Poliziotti uccisi, il cordoglio dell’Arma lametina

Carlomagno campagna Jeep Compass Ottobre 2019
L’omaggio dei carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme agli agenti del Commissariato dopo l’omicidio dei due poliziotti nella Questura di Trieste.

I carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme hanno reso omaggio stamani a Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due agenti uccisi durante la sparatoria nella Questura di Trieste, fermandosi con le auto di servizio con le sirene accese davanti al Commissariato della Polizia.

I carabinieri, accolti dal saluto militare degli agenti, sono poi entrati nel cortile del commissariato lametino ed hanno deposto una corona di fiori al monumento ai caduti della Polizia.

Analoga manifestazione di cordoglio si è svolta stamane a Roma al ministero dell’Interno. I rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Penitenziaria al Palazzo del Viminale, hanno reso omaggio ai due poliziotti uccisi. Presenti il Prefetto Antonio De Iesu, vice capo vicario della Polizia.

E sono tanti i messaggi di cordoglio per le famiglie dei due agenti uccisi a Trieste e alla Polizia di Stato, che anche in Calabria arrivano dal mondo politico e dalla società civile. Solidarietà è stata espressa dalla parlamentare catanzarese Wanda Ferro: “Questo è un momento di sofferenza, di dolore, e non certo di polemiche. Ma non possiamo trattenere la speranza che il sacrificio di questi uomini – due giovani di appena 30 anni colpiti a morte per la sola colpa di indossare come ogni giorno la divisa per compiere il proprio dovere – possa essere da monito a chi, anche ricoprendo ruoli istituzionali, non esita a mettere in discussione professionalità e rigore morale degli appartenenti alle nostre forze dell’ordine. Noi di Fratelli d’Italia saremo sempre dalla loro parte”, ha detto la parlamentare di Fratelli d’Italia Wanda Ferro.