Capodanno a Cosenza, decine di migliaia di persone per Skin

Black Friday Carlomagno novembre 2018
Piazza dei Bruzi vista dall'alto
Piazza dei Bruzi vista dall’alto (Foto tratta da profilo Fb Massimo Veltri)

Decine di migliaia di persone si sono riversate in piazza a Cosenza per assistere al concerto di Capodanno del gruppo rock britannico Skunk Anansie, capeggiato da Debora Dyer, in arte Skin.

Tutto stracolmo, come ormai da tradizione, con famiglie festanti e tanti gruppi di giovani. Da piazza dei Bruzi, dov’era allestito il palco, lungo tutto Corso Mazzini fino a piazza Fera un oceano di gente che si farebbe fatica quantificare a occhio. Si parla di oltre cinquantamila persone.

Per vedere la star inglese moltissime persone sono giunti da altri capoluoghi calabresi e anche da fuori regione. Un successo grazie anche al bel tempo e alla temperatura mite. E se per i cosentini, per gli effetti della crisi, è prevalsa giocoforza la tradizione del cenone a casa e poi l’uscita in piazza, c’è chi non ha disertato i veglioni privati organizzati da molti locali in città e nell’hinterland.

Gongola il sindaco Mario Occhiuto che si è concesso un piccolo bagno di folla tra i tantissimi fan presenti in piazza. Tuttavia non manca qualche critica da parte dell’opposizione che giudica onerosa la performance di Skin “costata ai cosentini 240 mila euro”, osserva più di qualcuno.

A farlo notare anche l’esponente dem Bianca Rende che posta sul social i 4 mila e passa euro al minuto spesi per la band inglese. Non da meno Sergio Nucci che qualche giorno fa ne aveva dettagliato i costi per singole voci.