Fa il vaccino e si sente male, in coma una donna in Calabria

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Ospedale annunziata

Una donna di 46 anni originaria del crotonese versa in gravissime all’ospedale Annunziata di Cosenza dopo essersi sottoposta alla vaccinazione anticovid. La signora è in coma .

La donna lo scorso dicembre aveva fatto il tampone ed era risultata positiva al Covid-19. A distanza di tre mesi si è iscritta nella piattaforma per effettuare la dose di vaccino prevista per i soggetti già positivi.

Il 27 maggio scorso, giorno fissato dalla piattaforma, da Cerenzia, paese di residenza, la signora si è recata a Mesoraca, centro del crotonese, dove le è stato iniettato il siero AstraZeneca, lotto ABV2856.

Dopo la somministrazione la donna ha iniziato ad avvertire qualche malessere già il giorno stesso dall’iniezione. A distanza di qualche giorno la donna è peggiorata ed ha anche iniziato ad avere difficoltà nel muovere un braccio.

Su consiglio del medico curante è stata trasportata all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Crotone, dove i sanitari del pronto soccorso hanno disposto una risonanza magnetica dalla quale è emerso che la donna avesse un trombo celebrale.

I medici si sono subito resi conto della gravità del caso e la paziente è stata immediatamente trasportata all’Annunziata di Cosenza con l’elisoccorso. E’ stata ricoverata al reparto stroke di primo livello.

Venerdì 4 giugno è stata sottoposta ad intervento chirurgico, ma le sue condizioni sono rimaste gravi. Sabato 5 giugno la situazione si è ulteriormente aggravata per un interessamento anche venoso.

Al momento, la donna viene mantenuta in coma farmacologico e il quadro clinico resta molto grave. Secondo i familiari la donna non era affetta da alcuna patologia pregressa e godeva di buona salute.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM