Calabrese fa il vaccino e muore mentre lavora in giardino

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Un uomo di 40 anni, Francesco Nardelli, calabrese di origine ma trapiantato a Città Sant’Angelo (Pescara), è morto nei giorni scorsi per un malore improvviso mentre stava effettuando dei lavori in giardino. L’uomo, secondo una foto postata su fb, si era vaccinato contro il covid lo scorso 19 maggio. Aveva fatto Astrazeneca.

Stando a quanto scrive il Centro, l’uomo dev’essersi reso conto di quanto stava accadendo, tanto che ha fatto in tempo a rientrare in casa e a dire alla moglie Monia di non sentirsi bene.

La prontezza di riflessi però è servita a poco: nonostante l’immediata richiesta di soccorso e l’arrivo dell’ambulanza del 118, i sanitari giunti nella casa della vittima non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Per la morte del quarantenne è stata disposta l’autopsia. Grande è stata la commozione per la scomparsa di Nardelli, anche sui social.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER