16 Luglio 2024

Euro-24, Italia mortificata anche dalla Svizzera. Eliminata. Nazionale da rifondare

Correlati

Nelle tre partite del girone aveva guadagnato immeritatamente gli Ottavi, per una rete di Zaccagni all’ultimo secondo contro la Croazia. Stasera, la debacle con la Svizzera a Berlino ha messo a nudo l’incapacità di una nazionale, l’Italia, che si è mostrata sin dalla vigilia imbrigliata da moduli e schemi, inadeguata e inconcludente contro squadre che non erano invincibili, ma avevano dalla loro la buona pratica di giocare a Calcio, facendo pure divertire il pubblico.

Finisce così l’avventura degli azzurri di Spalletti a Euro 2024 in Germania. Campioni in carica eliminati, con una umiliante batosta rimediata contro gli elvetici per 2-0. La squadra paga errori di convocazioni, di calciatori sempre scoordinati e scarsi sul piano fisico, per non dire spompati, oltreché fallosi. A parte Donnarumma, il migliore di tutti che con le sue prodezze ha più volte salvato da sconfitte più pesanti.

E un commissario tecnico che già nel post-gara con la Spagna aveva detto di non avere “scelte”, rimandando di fatto a quel vecchio adagio che recita come “il pane si fa con la farina che hai nel granaio”. Questa era la farina, questo è il risultato. Niente da aggiungere, se non ricordare che il club azzurro con le stesse premesse aveva mancato la qualificazione a ben due mondiali.

Inutile raccontare la cronaca di una partita già vista da milioni di spettatori, che hanno capito da soli sin dalle amichevoli pre-europee che l’Italia non c’era e che non c’è mai stata. La Nazionale azzurra va rifondata, va rifondato il suo modo di giocare a Calcio.

Il rimedio? Intanto occorre valorizzare i vivai giovanili che – già molto bravi – non possono emergere per la presenza nei club di A e B (ed anche di C) di tantissimi giocatori stranieri; poi oltre a Donnarumma occorre una forte difesa con giocatori che difendono, un centrocampo che corre per 90 minuti ma soprattutto serve un “goleador”, uno che segna e porta l’Italia a prestigiosi traguardi come è avvenuto negli anni passati. Lasciando perdere moduli e schemi inutili quando poi ci si scontra con squadre che giocano a vero Calcio. Spalletti coi suoi dovrebbe riguardare partite come quelle della Serbia, Danimarca, dell’Albania e della stessa Croazia. Da lì, se rimane ct, potrà imparare tante cose. Potrà – senza offesa – imparare come si gioca a calcio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca, declassificati documenti della Nato negli anni ’90. “Non un pollice verso Est”

Il portavoce del leader russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto di aver letto gli archivi declassificati pubblicati sui...

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)