Organizzano festa con 600 persone senza permessi, denunciati

discoteche estive
Archivio

Quattro persone sono state denunciate da personale di Polizia del commissariato di Rossano per aver organizzato una serata danzante in un villaggio turistico della zona senza avere le necessarie autorizzazioni e privi del permesso di agibilità dei locali.

Nel corso dei controlli, effettuati insieme alla locale polizia municipale, sono state elevate sanzioni amministrative per circa 32 mila euro.

Dalle verifiche è emerso, che all’evento aperto ed esposto al pubblico, si accedeva mediante il pagamento di un biglietto nell’ambito di una attività imprenditoriale sprovvista di qualsivoglia autorizzazione per pubblico intrattenimento e assenza di licenza di agibilità dei luoghi interessati alla festa.

A riguardo è stato accertato che alla serata danzante hanno partecipato circa 600 persone, e che gli organizzatori avevano la sola autorizzazione, regolarmente rilasciata dal comune di Rossano, per l’esercizio di complesso turistico ricettivo e tutti i servizi annessi all’intrattenimento delle sole persone in esso alloggiate.

Invece, secondo l’accusa, gli organizzatori della festa danzante, sono risultati privi delle autorizzazioni obbligatorie per il pubblico intrattenimento e della licenza di agibilità rilasciata dal comune competente, obbligatoria per eventi con presenze superiore a 200 persone.

Le serate danzanti, come quella in argomento, sono regolamentate da apposite normative per le quali gli interessati a titolo organizzativo devono richiedere alle istituzioni preposte le necessarie autorizzazioni.

Inoltre, è stata rilevata la falsa compilazione delle schede degli alloggiati presenti all’interno del villaggio turistico. Dalle specifiche verifiche è emerso il fittizio pernottamento nella struttura di ospiti che in realtà hanno partecipato esclusivamente alla festa danzante.

Gli organizzatori dell’evento non autorizzato sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per aver aperto e tenuto abusivamente un luogo di pubblico spettacolo e intrattenimento danzante. In concorso tra di loro e senza aver osservato le prescrizioni a tutela dell’incolumità e della sicurezza pubblica venivano deferite altre due persone per aver attestato false situazioni e sottoscritto firme false sulle schede degli alloggiati con trasmissione alle autorità di pubblica sicurezza, al fine di simulare il pernottamento di 283 persone all’interno del villaggio turistico.