Allaccia a rete pubblica l’elettricità di piscina, bar e lido: arrestato


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
contatoore enel
Archivio

I carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme hanno effettuato una serie di servizi di controllo del territorio sulla fascia costiera. Fra gli atri è stato controllato un complesso residenziale situato sulla 106, a Nocera Terinese.

I militari, coadiuvati da personale Enel, hanno scoperto all’interno di un magazzino al piano terra di una delle palazzine, un groviglio di cavi elettrici, particolarmente precario e pericoloso. Ripercorrendo a ritroso il percorso partendo dall’allaccio abusivo è stato appurato che i cavi elettrici alimentavano il locale macchine della piscina, l’attiguo bar e, percorrendo quasi 500 metri sottotraccia, la struttura di un lido realizzato sulla spiaggia.

Il danno stimato solo nell’ultimo semestre a carico della società fornitrice ammonta a circa 15.000 euro. Per tale ragione è stato arrestato per furto aggravato un imprenditore di Nocera, amministratore unico della società incaricata della gestione delle aree alimentate abusivamente.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM