Sequestrate tre discariche abusive alle porte del parco della Sila


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

polizia provinciale SANTO STEFANO DI ROGLIANO (COSENZA) – Tre aree adibite a discariche abusive di rifiuti speciali e comuni sono state sequestrate dalla Polizia provinciale di Cosenza nell’area silana di Santo Stefano di Rogliano.

Gli agenti del distaccamento di San Giovanni in Fiore, che hanno scoperto le discariche, hanno individuato un primo cumulo di rifiuti in località Serraleta all’interno di un’area boschiva alle porte del Parco nazionale della Sila. Sul terreno erano stati abbandonati rifiuti ingombranti, parti di motori di auto, materiale plastico, legnoso e cartaceo, parti di rifiuti apparecchi elettrici ed elettronici, contenitori vuoti in metallo e plastica di vernici e oli sintetici.

Nella seconda area, a cento metri di distanza dalla prima, sono state trovate abbandonate carcasse di pneumatici occultate tra i cespugli di ginestre e rovi. Stesso copione anche nella terza area a lato di una stretta stradina in terra battuta. Indagini sono in corso per risalire ai responsabili.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER