Sequestrata lavanderia industriale a presunto membro del clan Muto

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Sequestrata lavanderia industriale a Diamante (Archivio)
Archivio

La Dia di Catanzaro ha sequestrato a Diamante una lavanderia industriale riconducibile ad un presunto esponente della cosca Muto della ‘ndrangheta, Antonio Mandaliti, di 60 anni, ma formalmente intestata alla moglie, Maria Iacovo.

Mandaliti è stato arrestato insieme alla moglie nell’ambito dell’operazione “Frontiera”, eseguita nell’estate del 2016 , su direttive della Dda di Catanzaro, contro la cosca Muto. Il decreto con cui è stato disposto il sequestro è stato emesso dal Tribunale di Cosenza sulla base di un’articolata proposta di prevenzione personale e patrimoniale avanzata dal direttore della Dia e basata sull’esito di indagini patrimoniali condotte dagli investigatori della Sezione operativa di Catanzaro e che hanno interessato un arco temporale compreso tra il 1997 ed il 2015.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

La lavanderia industriale riconducibile a Mandaliti, secondo il decreto di sequestro “appare, per come ipotizzato nel procedimento “Frontiera”, come frutto o reimpiego di attività illecita”.