Controlli a Rende, denunce per guida in stato di ebbrezza e gioco d’azzardo

Carlomagno Jeep agosto 18

controlli carabinieri di rendeNei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Rende hanno proseguito l’attenta azione di controllo del territorio mettendo in campo, su indicazione del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere, nonché alla verifica del rispetto del Codice della Strada.

Ad Acri, i militari del posto hanno denunciato in stato di libertà per “furto” e “inosservanza del foglio di via obbligatorio”, una 48enne di Castrolibero che aveva asportato, dall’interno di un supermercato del centro storico, 6 bottiglie di liquori, restituite ai legittimi proprietari. Dai successivi accertamenti emergeva inoltre che la donna era nel comune di Acri nonostante colpita da provvedimento del “Divieto di ritorno per 3 anni”.

Sempre ad Acri, due persone, un 40enne e un 43enne di Corigliano Calabro, sono stati denunciati per “Invasione di terreni”. I due uomini, arbitrariamente, avevano invaso e lavorato per conto proprio il terreno della vittima, una 28enne di Acri.

A Castiglione Cosentino, i militari di San Pietro in Guarano hanno deferito per il reato di “Ricettazione”, un 19enne del luogo, il quale, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un “Iphone 7” oggetto di furto avvenuto in Luzzi pochi giorni fa.

Sul piano del contrasto alle violazioni al Codice della Strada, nel Comune di Rende, i militari della locale Compagnia Carabinieri hanno denunciato, per “Guida in stato di ebbrezza”, un 32enne (0,85 g/l), residente a Cosenza, un 24enne (1,54 g/l), residente a Lamezia Terme, ed un 25enne (1,05 g/l) residente a Galatro (Rc).

I militari operanti, durante i controlli, hanno sottoposto gli automobilisti ad accertamento con apparato etilometrico, rilevando un tasso alcolemico superiore ai limiti consentiti dalla legge. Le patenti venivano ritirate e le autovetture affidate a persone idonee alla guida.

Sul fronte dell’azione di contrasto all’abusivismo commerciale e al gioco d’azzardo, i militari della di Luzzi, unitamente a personale cosentino dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno denunciato per “Esposizione della tabella dei giochi proibiti in modo non visibile” il titolare di un bar di Luzzi, poiché all’interno del citato bar, la tabella dei giochi proibiti era esposta in modo non visibile.

Inoltre elevavano una sanzione amministrativa di euro 20.000 poiché venivano rinvenuti 3 computer utilizzati per le scommesse e 5 “slot-machines” senza la prescritta autorizzazione, tutto sottoposto a sequestro. L’esercizio commerciale veniva segnalato al comune di Luzzi – settore attività economiche e produttive, per l’eventuale cessazione o sospensione dell’attività.

Segnalati anche amministrativamente per “Mancata esposizione dei prezzi di vendita al pubblico dei tabacchi” il titolare di un bar di Luzzi, poiché non esponeva i prezzi di vendita al pubblico dei tabacchi. Al predetto veniva elevata una sanzione amministrativa di euro 250.

Infine, è stato segnalato alla Prefettura di Cosenza, quale “Assuntore di sostanze stupefacenti”,un 17enne di Rende, al quale è stato sequestrato 1 grammo di Marijuana.