Provinciali a Cosenza e Reggio, Spirlì: “Non rinviare elezioni scelta scriteriata”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
consiglio provinciale Cosenza marzo 2019 (3)
archivio

«La scelta del sindaco metropolitano di Reggio Calabria e del presidente della Provincia di Cosenza di non rinviare le elezioni provinciali è, semplicemente, scriteriata, dal momento che non tiene conto né delle forti raccomandazioni del Cts nazionale, né del mio personale intervento, seguito a quello di alcuni esponenti di Governo, finalizzato a evitare un possibile, se non addirittura scontato, aumento dei contagi da Covid-19».

È quanto afferma il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì. «Siamo – aggiunge Spirlì – in una fase molto critica rispetto all’avanzamento del virus e mi chiedo come possano essere garantiti, nell’incolumità generale, il voto nonché la sua segretezza nel caso in cui, malauguratamente, uno degli amministratori chiamati alle urne dovesse risultare positivo al Covid».

«Questa scelta, sorda a qualsiasi richiamo alla responsabilità – conclude il presidente –, mi lascia esterrefatto e, di certo, non piacerà a tutti quei calabresi di buon senso che avrebbero tranquillamente fatto a meno dell’ennesimo, purtroppo non improbabile, rialzo dei contagi. Ma si sa, davanti a certa politica il rischio perde di importanza e a prevalere è l’attaccamento ai pennacchi, alle poltrone e ai biglietti da visita coronati».


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER