Pino Galati indagato per concorso esterno in associazione mafiosa

La nuova accusa è formulata dalla Dda a conclusione delle indagini sull'inchiesta "Quinta bolgia" che a novembre portò all'arresto di 24 persone. Per l'accusa è "politico di riferimento della cosca"

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Giuseppe Pino Galati
Giuseppe “Pino” Galati

L’ex deputato del centrodestra (Forza Italia) Giuseppe Galati è indagato dalla Dda di Catanzaro per concorso esterno in associazione mafiosa.

L’accusa, nuova, emerge dall’avviso conclusione indagini notificato al politico e ad altre 21 persone nell’inchiesta Quinta Bolgia che nel novembre scorso portò all’arresto di 24 persone tra le quali lo stesso Galati, posto ai domiciliari. Il suo provvedimento fu poi annullato dalla Cassazione.

L’inchiesta riguarda presunti illeciti nella gestione del servizio ambulanze all’ospedale di Lamezia. Galati è ora accusato di essersi attivato a favore della cosca Iannazzo-Cannizzaro-Daponte e del sottogruppo Putrino, profondendo “il suo impegno politico per l’assegnazione di gare, appalti o posti di lavoro, soprattutto nel campo sanitario, ma anche presso la Sacal”, la società di gestione dell’aeroporto di Lamezia, “in cambio del costante impegno” degli affiliati “a procurare più voti possibili ai fini dell’elezione diventando sostanzialmente il politico di riferimento della cosca”.

Leggi altro sull’inchiesta Quinta Bolgia

Operazione “Quinta Bolgia”, i nomi degli arrestati

Le mani della ‘ndrangheta sull’Asp di Catanzaro. L’inchiesta.

Quinta Bolgia, l’ospedale di Lamezia occupato militarmente dai clan

Quinta Bolgia, Gratteri: “Abbiamo fatto luce su cose agghiaccianti”

Quinta Bolgia, i clan come avvoltoi aspettavano i morti in ospedale

‘Ndrangheta e politica, rimesso in libertà l’ex deputato Pino Galati


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER