16 Luglio 2024

Giuseppe Galvagno ucciso per uno “sguardo” di troppo. Fermati 5 buttafuori

Correlati

Giuseppe Galvagno
La vittima, Giuseppe Galvagno (Fb)

E’ stato massacrato di botte, fino alla morte, Giuseppe Galvagno, il cinquantenne trovato cadavere stanotte nei pressi del night club San Salvador, a Roma Eur. Secondo gli investigatori dell’Arma dei carabinieri a pestarlo sarebbero stati 5 buttafuori della discoteca che sono stati ora fermati con l’accusa di omicidio volontario.

La vittima si era recato ieri sera alla discoteca del quartiere Eur, insieme alla compagna che lavora come infermiera in un ospedale della Capitale. Durante la serata, forse a causa di uno “sguardo” di troppo verso una ragazza in compagnia di un altro avventore, o perché nella ressa l’avrebbe involontariamente urtata, sarebbe scaturita una lite con il compagno che i buttafuori avrebbero “sedato” cacciando via Galvagno dal locale.

Da quanto ricostruito dagli investigatori, Galvagno è stato “accompagnato” all’esterno della discoteca da due buttafuori dove subito dopo sono arrivati altri tre colleghi e in 5 lo avrebbero massacrato di botte, colpendolo con calci e pugni in volto, alla testa e al torace, fino a ucciderlo.

Dopo aver notato che la serata era andata a monte, per il litigio nel club la compagna 45enne della vittima era andata a prendere l’auto per tornare casa insieme a Galvagno, ma quando è tornata davanti al locale non lo ha visto. Poco dopo l’ha trovato agonizzante in un parcheggio vicino e ha dato l’allarme al 118 e alle forze dell’ordine.

Sulla vicenda indagano i carabinieri del nucleo investigativo di Roma e della compagnia dell’Eur che hanno ascoltato diversi testimoni per ricostruire con esattezza l’accaduto. L’inchiesta è affidata al sostituto procuratore Eleonora Fini in coordinamento del procuratore aggiunto Maria Monteleone.

La vittima gestiva un B&B in zona San Giovanni e avrebbe compiuto 50 anni a dicembre. Da un primo esame del cadavere, erano visibili i traumi e i segni del pestaggio.

Aggiornamento del 7/9/2017 – Due scarcerazioni e tre convalide del fermo con emissione di provvedimento cautelare in carcere. E’ quanto ha deciso il gip Maddalena Cipriani per i cinque buttafuori coinvolti nella morte di Giuseppe Galvagno, picchiato fuori ad una discoteca di Roma sabato scorso. Restano in carcere per omicidio volontario Fabio Bellotazzi, Emiliano Dettori e Davide Farninacci. Il giudice ha messo in libertà Mirko Marano e Riccardo Stronati.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca, declassificati documenti della Nato negli anni ’90. “Non un pollice verso Est”

Il portavoce del leader russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto di aver letto gli archivi declassificati pubblicati sui...

DALLA CALABRIA

Due gemellini neonati trovati chiusi in un armadio, choc in Calabria

Due gemellini neonati sono stati rinvenuti senza vita all'interno di un armadio chiuso, avvolti in un lenzuolo. È successo...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)