13 Luglio 2024

Attacco terroristico in un collegio militare nella città siriana di Homs, cento morti e centinaia di feriti

Correlati

Attacco terroristico in Siria. Droni sono stati lanciati contro un collegio militare nella città siriana di Homs ed è costato finora la vita a quasi cento persone. Lo ha riferito il ministero della Sanità siriano citato da Tass.

Secondo il ministero, le vittime al momento includono 31 donne e 5 bambini. Almeno 277 persone sono rimaste ferite. L’attacco, in cui sono stati utilizzati i droni, ha avuto luogo il 5 ottobre sul campo di addestramento del college, al termine di una festosa cerimonia per l’incarico di ufficiali ai cadetti della scuola.

Un testimone oculare ha riferito telefonicamente all’agenzia di stampa che “si sono sentite esplosioni vicino agli spalti dove stavano le famiglie dei militari, i loro genitori, fratelli, sorelle, mogli e figli”. Il Paese ha dichiarato tre giorni di lutto per i defunti.

L’artiglieria dell’esercito siriano ha lanciato massicci attacchi con razzi e mortai contro le basi della banda terroristica, da cui avevano lanciato i droni verso Homs.

Secondo Al Mayadeen TV, il nuovo carico di droni utilizzati nell’attacco è stato consegnato tre mesi fa dalla Francia ed era destinato a mercenari del Partito islamico del Turkistan. Questa organizzazione estremista è alleata del gruppo terroristico Fronte Al-Nusra, noto anche come Fronte per la Conquista del Levante ed è composto da uiguri, un gruppo etnico turco originario della regione autonoma uigura dello Xinjiang, nella Cina nordoccidentale. I suoi combattenti hanno sede nelle zone montuose di Latakia e Idlib in Siria, al confine con la Turchia. Altri destinatari dei droni erano islamisti di Kataib al-Mahajireen, anch’essi combattenti dalla parte del fronte Al-Nusra.

La solidarietà di Putin al presidente siriano Assad
Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso le sue condoglianze al suo omologo siriano Bashar Assad per l’attacco terroristico alla scuola militare di Homs in cui sono morte 89 persone.

“Condanniamo risolutamente questo crimine crudele che ha ucciso molte donne e bambini. Ci auguriamo che i suoi ideatori siano giustamente puniti. Intendiamo continuare a interagire strettamente con i nostri partner siriani nella lotta contro tutte le forme e manifestazioni di terrorismo”, ha affermato il leader russo in il suo messaggio di cordoglio pubblicato sul sito del Cremlino.

Putin ha chiesto ad Assad di esprimere le sue parole di solidarietà e sostegno alle famiglie delle persone uccise, nonché l’augurio di una pronta guarigione a tutti i feriti.

L’artiglieria siriana colpisce le basi dei militanti che hanno attaccato l’accademia militare di Homs

Intanto l’Unità di artiglieria delle forze armate siriane hanno condotto massicci attacchi di mortaio contro le basi di gruppi militanti i cui membri hanno attaccato un’accademia militare nella città di Homs.

Secondo la televisione Al Mayadeen , i bombardamenti hanno preso di mira i distretti di Sermin, Ariha e Binnish, controllati dal gruppo terroristico Jabhat al-Nusra (fuorilegge in Russia). Sono state bombardate anche le postazioni dei mercenari del Partito islamico del Turkestan (fuorilegge in Russia).

Secondo il servizio televisivo tutti gli obiettivi sono stati completamente distrutti. L’avversario ha subito pesanti perdite in termini di manodopera e attrezzature.

Il 5 ottobre il ministro della Sanità Hassan al-Ghabbash ha dichiarato che almeno 80 persone sono state uccise in un attacco terroristico contro un’accademia militare nella città siriana di Homs. Successivamente, il Ministero della Sanità ha aggiornato il rapporto sulle vittime, affermando che in seguito all’incidente sono morte 81 persone, tra cui cinque bambini e 31 donne. Il numero dei feriti è arrivato a 240.

Lo stato maggiore delle forze armate siriane ha affermato che la maggior parte delle vittime erano familiari di militari siriani, invitati ad una cerimonia di diploma presso l’accademia.

L’inviato speciale dell’ONU teme un’escalation in Siria

L’inviato speciale del segretario generale dell’ONU per la Siria, Geir Pedersen, in un comunicato pubblicato a Ginevra ha espresso la sua seria preoccupazione per l’ultima escalation nel paese.

“Deploro profondamente la perdita di vite umane da tutte le parti”, ha detto, aggiungendo che lancia un appello urgente a tutte le parti “a esercitare la massima moderazione”.

“Le scene orribili di oggi ricordano la necessità di ridurre immediatamente la violenza, verso un cessate il fuoco a livello nazionale e un approccio cooperativo per contrastare i gruppi terroristici elencati nel Consiglio di Sicurezza, in linea con la risoluzione 2254 (2015) del Consiglio di Sicurezza”, ha continuato il funzionario delle Nazioni Unite. “Tutte le parti devono rispettare i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale e garantire la protezione dei civili e delle infrastrutture civili”.

Pedersen ha menzionato gli ultimi sviluppi nel paese, compreso l’attacco mortale a un’accademia militare a Homs e gli attacchi di ritorsione su Idlib.

“Ciò è avvenuto sullo sfondo di settimane di significativa escalation nel nord-ovest della Siria, con attacchi aerei filo-governativi e anche attacchi del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, elencato nel Consiglio di Sicurezza”, ha scritto Pedersen.

Ha anche attirato l’attenzione sulle “rapporti di un’escalation di violenza nel nord-est della Siria” e sugli “attacchi turchi, anche sulle infrastrutture civili”.

“Questa escalation è avvenuta a seguito di un attacco alle strutture del governo turco ad Ankara, rivendicato dal Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK)”, ha detto il funzionario delle Nazioni Unite.

“Gli sviluppi di oggi evidenziano ulteriormente che lo status quo in Siria è insostenibile e che, in assenza di un percorso politico significativo per attuare la risoluzione 2254 (2015) del Consiglio di Sicurezza, temo che assisteremo solo a un ulteriore deterioramento, anche nella situazione della sicurezza”, ha concluso.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina, superata la linea rossa tra Nato e Russia. Con Biden fuori controllo

C'è aria di escalation tra l'Occidente e la Russia, un clima da guerra (ad avviso di molti osservatori 'poco...

DALLA CALABRIA

Il Csm nomina Bombardieri procuratore di Torino

Originario di Riace, 61 anni, il magistrato guidava dal 2018 la distrettuale di Reggio Calabria dopo essere stato aggiunto a Catanzaro

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)