29 Maggio 2024

Intossicazione da tallio, morta anche la madre di Patrizia Del Zotto

Correlati

Ospedale DesioE’ morta nella notte fra il 12 e il 13 ottobre anche Maria Gioia Pittana, terza componente della famiglia Del Zotto colpita da intossicazione da tallio. La donna, 87 anni, era la moglie di Giovanni Battista e madre di Patrizia, morti a poche ore di distanza l’uno dall’altra in ospedale a Desio (Monza) il 2 ottobre scorso. E’ quanto comunica la Direzione Generale dell’Asst di Monza.

Maria Gioia Pittana, 87 anni, era ricoverata all’ospedale di Desio dal 29 settembre e le sue condizioni erano apparse subito molto critiche. In questi giorni la situazione clinica non è mai migliorata anche a causa, a quanto si apprende, di patologie pregresse legate all’età.

Nello stesso ospedale sono ancora ricoverati il marito della donna morta per prima, Patrizia del Zotto, 62 anni, figlia di Maria Gioia Pittana, la figlia minore di quest’ultima, 58 anni e la badante.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Dramma in Valtellina, tre finanzieri muoiono durante un’esercitazione

Tutti giovanissimi, i militari stavano scalando una parete rocciosa quando all'improvviso sono precipitati nel vuoto. Altri colleghi della Guardia di finanza hanno assistito impotenti alla tragedia

DALLA CALABRIA

Villa, fermata la madre della 13enne che ha abbandonato il neonato

Decisione dei magistrati reggini dopo che gli investigatori hanno raccolto elementi indiziari di rilievo. Dall'autopsia è emerso che il neonato era nato vivo: "E' stato soffocato appena nato, poi è stato abbandonato tra gli scogli a Villa San Giovanni". La donna è accusata di infanticidio

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)