1 Ottobre 2022

Roma, dramma ad Ariccia. Mamma e figlio si suicidano. Giù dal ponte per 50 metri

Correlati

Il luogo sotto il ponte ad Ariccia dove sono stati ritrovati i corpi di madre e figlio
Il luogo sotto il ponte ad Ariccia dove sono stati ritrovati i corpi di madre e figlio (by Luciano Sciurba)

Duplice suicidio ieri sera ad Ariccia, in provincia di Roma, dal ponte monumentale della via Appia tristemente noto per questo tipo di episodi tanto da essere soprannominato “il ponte dei suicidi”. Una madre di 56 anni e figlio di 34 si sono lanciati nel vuoto facendo un volo di oltre cinquanta metri.

I due sono morti sul colpo. Entrambi vivevano nella capitale. Al momento non si conoscono le cause del gesto. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Albano chiamati da alcuni passanti e le salme sono state trasferite al policlinico di Tor Vergata dove verrà eseguita l’autopsia.

Il Ponte noto "dei suicidi" ad Ariccia da dove si sono gettati madre e figlio
Il Ponte noto “dei suicidi” ad Ariccia da dove si sono gettati madre e figlio

A nulla sono servite le reti di protezione poste appunto per evitare gesti estremi. Madre e figlio, avevano deciso di farla finita e si sono lanciati nel vuoto per quasi cianquanta metri ai margini del piazzale accanto a boscaglia. Sulla volontarietà del drammatico gesto gli inquirenti sembra non abbiano dubbi. Il duplice suicidio è avvenuto ieri sera. Sarà l’esame autoptico a stabilire l’ora della morte.

Da una prima ricostruzione sembra che mamma e figlio fossero arrivati da Roma diretti ad Ariccia dove c’è il ponte dei suicidi. Appena sul ciglio del ponte, intenti a scavalcare le reti di protezione pare che dei passanti abbiano tentato di farli desistere dal loro gesto. Senza però riuscirci.

Dopo la tragedia sono stati subito allertati la polizia e i vigili urbani di Ariccia e i vigili del fuoco che sono arrivati nell’immediatezza con ambulanze. Sul posto è giunta la polizia scientifica per i prmi rilievi e per ricostruire la dinamica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER