8 Dicembre 2021

Palermo, sorpreso a fare sesso con un cane in strada. Denunciato

Stessa categoria

Sesso con cane a palermoPALERMO – Sembrava un uomo normale e amava i cani in modo maniacale. Con un particolare curioso: gli piaceva intrattenersi in intimità e amava farci sesso anche all’aperto.

Sembra una barzelletta uscita dalla fattoria degli animali, ma è successo davvero in Sicilia. Un uomo di 50 anni è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico per avere avuto rapporti sessuali con un cane per strada, in una zona centrale di Palermo.

Il Giudice per l’udienza preliminare, che celebra l’udienza e dovrà decidere sul rinvio a giudizio dell’uomo, ha disposto una perizia psichiatrica sull’imputato. Non è da tutti i giorni trovarsi di fronte un amante dei cani così “focoso…”

L’uomo è stato visto più volte avvicinarsi al giardino di un’abitazione, bloccare il cane e costringerlo a partecipare ad atti sessuali. A denunciare il 50enne sono stati i proprietari dell’animale che hanno notato gli abusi sessuali dell’uomo sul cane.

Ma l’uomo non è il solo di questi periodi. E’ di pochi giorni fa la notizia che in Australia una maestra d’asilo arrestata per aver fatto sesso con il suo cane, aveva chiesto di tornare all’asilo ma il giudice le ha vietato di lavorare con i bambini. I fatti risalgono al 2014. La ragazza sorpresa in intimità con il suo pet, venne arrestata in flagranza. Non sono poi così isolati questi casi di estrema depravazione con gli animali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER