8 Dicembre 2021

Roma, la Polizia smantella rete esperta di truffe online

Stessa categoria

Truffe online. Il materiale sequestrato dal commissariato Villa Glori
Truffe online. Il materiale sequestrato dal commissariato Villa Glori
Con una complessa indagine protrattasi per alcuni mesi, gli agenti del Commissariato Villa Glori, diretti dal dott. Ermanno Baldelli, hanno sgominato una organizzazione specializzata nelle truffe online, che aveva messo a segno numerosi colpi in danno di persone in varie parti d’Italia.

Con gli annunci, pubblicati su diversi siti specializzati, venivano offerti in vendita  smartphone, tablet e computer, a prezzi particolarmente favorevoli.
L’organizzazione, su cui sono ancora in corso indagini, aveva la mente operativa in Romania, dove operavano alcune persone, in fase di identificazione, che provvedevano, spesso anche in maniera diretta, a gestire la maggior parte delle trattative, utilizzando un software che ne simulava la presenza in Italia, mentre si trovavano in realtà all’estero.

Nel nostro paese operava invece una italiana di 33 anni, residente nella zona di Fonte Nuova, la quale si occupava, oltre che di inserire gli “annunci truffa”, anche di gestire online una parte delle trattative con i potenziali truffati nonché di procacciarsi, tramite negozi compiacenti su cui sono in corso indagini, le sim da utilizzare per le truffe e spedirle in Romania unitamente alla carte di credito ricaricabili su cui confluivano i proventi delle truffe.

Nel corso di una perquisizione disposta dall’autorità giudiziaria nei confronti della donna, arrestata per rispondere di utilizzo e possesso indebito di carte di credito, gli investigatori della Polizia di Stato hanno rinvenuto circa un centinaio di sim di vari gestori, diverse carte di credito nonché numerose fotocopie di carte d’identità e di passaporti.

Nel corso delle indagini è emerso come con la scusa di provare la reciproca onesta dei contraenti, l’organizzazione proponeva lo scambio via mail dei rispettivi documenti, in modo da ottenere nomi a cui intestare a loro insaputa le carte ricaricabili esercitando pertanto anche il furto d’identità.

Il numero elevato di sim rinvenuto è legato oltre che alla mole degli “affari”, che gli investigatori stimano fruttassero oltre 5.000 euro al mese, anche al fatto che le stesse dopo qualche tempo divenivano note, in gergo “bruciate”, sui siti di vendita.
Le indagini non sono ancora terminate. Gli investigatori del Commissariato Villa Glori cercheranno infatti di identificare gli altri appartenenti all’organizzazione che operavano in sintonia con la donna.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER