2 Marzo 2024

Rubò il posto auto a disabile, multato lo insultò: preso. E’ un “dottore”

Correlati

autore cartello contro handicappato carugate
L’autore del messaggio di insulti al disabile mentre attacca il cartello, a destra.

Aveva preso una multa per aver parcheggiato negli spazi riservati ai disabili. Arrabbiato, andò a casa, scrisse un cartello con insulti e gravi offese rivolte al portatore di handicap e si recò di sera a posizionarlo nello stesso spazio affinché venisse letto. Il fatto, successo il 18 agosto scorso nel parcheggio di un centro commerciale Carosello di Carugate, nel Milanese, ha avuto una grande eco su social e media suscitando la reazione sdegnata di migliaia di persone nel paese.

La polizia di Milano dopo indagini è riuscita a risalire all’autore, che è stato denunciato.  Si tratta di un italiano incensurato e laureato. In sostanza è un “dottore” (virgolette d’obbligo dopo quanto ha scritto). Le generalità dell’uomo non sono state rese note per tutelare la sua privacy in virtù del suo status di incensurato, ma anche per non esporlo a linciaggi mediatici e personali.

Alla identificazione dell’autore i poliziotti sono arrivati, con la collaborazione del centro commerciale, attraverso la visione delle immagini del sistema di video sorveglianza che alle 21.28 ritraevano l’arrivo dell’uomo e il momento di affissione del cartello.

In realtà, spiega la questura di Milano, la multa era stata elevata, unitamente ad altre, per un controllo autonomo da parte della polizia locale di Carugate che ha collaborato alle indagini.

Non essendoci un singolo portatore di handicap titolare del posto riservato a tale categoria, la associazione Ledha, in data 25 agosto 2017, presso gli uffici della Polizia di Milano, ha sporto querela per l’intera categoria colpita e offesa dalle frasi diffamatorie contenenti un messaggio di odio e violenza. I risultati complessivi della indagine svolta dalla Polizia di Stato per espressa determinata volontà del Questore Marcello Cardona, sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica di Monza.

IL MESSAGGIO CHOC: TU RESTI UN POVERO HANDICAPPATO SONO CONTENTO TI SIA CAPITATA QUESTA DISGRAZIA

Il cartello apparso nel parcheggio del centro commerciale di Carugate conteneva un messaggio offensivo verso il portatore di handicap, che ad avviso dell’autore gli aveva fatto prendere il verbale: “A te handiccappato (con due c) che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato … sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!”. Il “dottore” ha scritto il messaggio in modo sgrammaticato evidentemente per depistare e far rivolgere l’attenzione altrove, ma le immagini lo hanno comunque incastrato.

Il messaggio era stato visto, fotografato e diffuso su Facebook da un passante e sui social si sono scatenate le ire degli utenti. Dopo la “caccia all’uomo”, l’epilogo con la scoperta dell’uomo laureato ritenuto autore dell’assurdo cartello.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Massacro a Gaza, medico: L’80% dei feriti colpiti da proiettili israeliani

Il direttore ad interim dell'ospedale al-Awda di Jabalia, Mohammed Salha, afferma che circa l'80% dei feriti nella strage durante...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)