Scompare bambino marocchino, rapito dal padre

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

(ANSA) – BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA), 7 SET – Dopo un calvario durato 4 anni quando pensava fosse tutto finito, Paola Imbesi, 37 anni di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), è ripiombata nell’angoscia: da nove mesi non ha notizie del figlio, di 8 anni, che chiameremo Karim, che le era stato sottratto dal marito marocchino Tariq T. nel 2013 quando aveva 4 anni.

Il 6 giugno scorso la donna aveva rivisto il bambino in Marocco e a dicembre vi è stata la sentenza definitiva di una corte marocchina per il ritorno del bambino con la madre in Italia. Ma quando la donna è andata con suo padre a prenderlo il bambino era scomparso.

La donna denunciò il rapimento da parte del padre del bambino, da cui si stava separando (la procedura è ancora in corso), il 20 giugno 2013 al commissariato. Da allora è cominciata la ricerca di Karim da parte sua e dei suoi genitori Antonino Imbesi, 74 anni, metalmeccanico in pensione, e Venera, che sono andati varie volte in Marocco affrontando grosse spese tra cui la nomina dell’avvocato.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM