24 Febbraio 2024

Non dichiara una mela alla dogana, multa da 500 dollari

E' costato caro un frutto ricevuto da una passeggera dalla compagnia aerea durante un viaggio intercontinentale. Negli Usa a un controllo gli agenti scoprono la mela e la multano

Correlati

Compagnia aerea Delta
Archivio

Una mela molto costosa quella che una passeggera americana di un volo da Parigi a Minneapolis (Minnesota) ha assaggiato la settimana scorsa al suo arrivo negli Stati Uniti. L’aveva ricevuta con il pasto durante la traversata transatlantica, ma aveva deciso di tenerla per la tratta interna verso Denver, sua destinazione finale, senza però fare i conti con gli agenti della dogana.

A Minneapolis, infatti, la passeggera non ha pensato di dichiarare il frutto “proibito”: multa di 500 dollari, senza possibilità di appello. A nulla sono valsi i tentativi della donna di convincere gli ispettori federali, cui ha spiegato – riporta l’Independent – che la confezione della mela era ancora intatta e che peraltro riportava il logo della compagnia aerea.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Dramma nel Cosentino, si è suicidato agente della Polizia penitenziaria

Tragedia a pochi chilometri di Cosenza dove un assistente capo della Polizia penitenziaria libero dal servizio si è suicidato...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)