L’Isis uccide in Siria un italiano che combatteva con i Curdi: “Era un crociato”

A darne la notizia l'Isis che nel diffondere la foto del suo cadavere ha detto che appartiene al "crociato italiano Lorenzo Orsetti". In Siria armato di Kalashnikov al fianco dei Curdi

Carlomagno campagna Jeep Renegade Luglio 2019
Lorenzo Orsetti
Lorenzo Orsetti armato (Ansa)

Combatteva in Siria, armato di Kalashnikov, contro gli jihadisti, ma durante gli scontri con le milizie islamiche è stato catturato e ucciso. E’ morto così Lorenzo Orsetti, 32 anni, italiano di Firenze, ucciso dall’Isis a Baghuz. A darne la notizia lo stesso Califfato che nel diffondere la foto del suo cadavere ha detto che appartiene al “crociato italiano Lorenzo Orsetti”.

Orsetti un anno e mezzo fa si era affiliato volontario alle milizie curde Ypg, legate al Pkk, in lotta contro i jihadisti dello “Stato islamico”. Orsetti si trovava a Baghuz, dove è in corso la battaglia contro le ultime sacche di resistenza dell’Isis: assieme al suo battaglione sarebbe caduto in un’imboscata e sarebbe rimasto ucciso nello scontro a fuoco.

Lorenzo Orsetti era stato di recente intervistato da media italiani e si faceva presentare come un combattente volontario italiano a fianco dei curdi contro l’Isis. In alcune foto pubblicate dai media si vede Orsetti mentre è accanto a dei mitragliatori.

Lorenzo Orsetti
Lorenzo Orsetti (Ansa)