Paura in Toscana ed Emilia, scossa nella notte di magnitudo 4.5

Trema la terra nel Mugello. Alle 4.37 la scossa più forte, preceduta e seguita da scosse minori. Gente in strada in preda al panico. Verifiche sulle strutture. Nessun ferito

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Paura nella notte in Toscana ed Emilia Romagna dove una forte scossa di terremoto ha svegliato migliaia di persone facendole precipitare in strada in preda al panico. Il sisma più forte, di magnitudo 4.5 è stato registrato alle 4.37, preceduto e seguito da uno sciame di almeno settanta scosse con potenza fino al 3.4.

L’epicentro è stato localizzato tra Scarperia e Barberino del Mugello, avvertito chiaramente in almeno due regioni e diverse città come Firenze, Prato, Pistoia, Imola e Bologna. Lo sciame sismico ha avuto inizio domenica sera. Al momento la protezione civile sta verificando eventuali danni alle strutture. Non risultano danni alle persone.

Al momento “non c’è nessuna situazione di allarme, non ci sono danni a persone” e quelli registrati in alcuni immobili “non sono particolarmente gravi”. Più “delicato” il capitolo del traffico ferroviario, in seguito al blocco delle linee del nodo di Firenze per accertamenti tecnici. Così il prefetto di Firenze Laura Lega in merito alla situazione in Mugello per la sequenza sismica. Lega è in contatto da stanotte con i vari sindaci del territorio. Inoltre stamani alle 7 la Sala Integrata di Protezione civile della Città Metropolitana e della Prefettura di Firenze ha aperto il Centro coordinamento soccorsi che tornerà a riunirsi a mezzogiorno. Secondo quanto spiegato dal prefetto al momento sarebbero oltre 25 gli interventi dei vigili del fuoco per crepe in alcune abitazioni. Decisa la chiusura delle scuole in tutto il Mugello a scopo precauzionale. Verifiche tecniche anche negli altri edifici pubblici, compresi gli ospedali e lungo le arterie stradali.

Molte le persone che via via hanno abbandonato le abitazioni e sono scese in strada, rifugiandosi nelle auto per proteggersi dalla pioggia. “La scossa di magnitudo 4.5 ha fatto davvero paura” ha raccontato il sindaco di Scarperia San Piero, Federico Ignesti che tranquillizza sulla presenza di danni: “Al momento non risultano ai carabinieri che hanno effettuato i primi sopralluoghi, né a me sono arrivate segnalazioni in merito. Intanto – conclude – è stato attivato il Centro operativo intercomunale di Protezione Civile”. Rimarranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado nei Comuni di Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo e Vicchio. Filippo Carlà Campa, sindaco di Vicchio, ha reso noto che è stato aperto il centro operativo comunale presso il nuovo campo sportivo. Anche a Barberino aperta l’unità di crisi.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb