24 Settembre 2022

Elezioni amministrative in Spagna, vince la sinistra di Podemos

Correlati

Pablo Iglesias, il leader del partito Podemos che ha vinto le amministrative in Spagna
Pablo Iglesias, il leader del partito Podemos che ha vinto le amministrative in Spagna (Ansa/Lorenzo)La

Con il risultato ottenuto alle amministrative dal movimento Podemos, la Spagna vira a sinistra. Il movimento capeggiato da Pablo Iglesias conquista Barcellona, e con ogni probabilità Madrid, Valencia e Saragozza in alleanza con i socialisti. Crollo dei consensi per il Pp del premier Mariano Rajoy, gli spagnoli hanno impresso al paese ieri una svolta a sinistra, scrive la stampa di Madrid. Dal 2011 il Partido Popular ha perso 11 punti e e 2,6 milioni di elettori pur restando con il 27% il primo partito del paese. Si tratta di elezioni amministrative ma il crollo del partito al governo è marcato.

E’ “L’inizio della fine del bipartitismo” ha annunciato nella notte il leader di Podemos, Pablo Iglesias. Per la prima volta nella storia del paese i voti ottenuti da Pp e Psoe insieme rappresentano solo metà dell’elettorato, davanti all’ affermazione dei due movimenti del “nuovo”, Podemos e Ciudadanos, e a Valencia del locale Compromis che arriva secondo.

A Barcellona la capolista di Barcelona en Comu fondata attorno a Podemos, Ada Colau, diventerà con ogni probabilità la prima donna sindaco della capitale catalana, in alleanza con sinistra repubblicana, socialisti e forse Ciudadanos. A Madrid, feudo popolare da 24 anni, la ex-giudice Manuela Carmena, arrivata un voto dietro la popolare Esperanza Aguirre, dovrebbe formare il nuovo governo madrileno con i socialisti, cui Podemos ha imposto un umiliante sorpasso. Alleanze fra gli alternativi e i socialisti dovrebbero governare anche le altre due grandi città del paese, Saragozza e Valencia, altra roccaforte del Pp. Pur arrivando primo, il Pp dovrebbe inoltre cedere sei regioni a coalizioni fra Socialisti e Podemos.

I popolari dovrebbero invece conservare la regione di Madrid, con Cristina Cifuentes, se otterrà l’appoggio di Ciudadanos. Nel paese dalla notte scorsa non esistono praticamente più maggioranze assolute in un panorama politico ora fortemente frammentato. Il leader del Psoe Pedro Gomez ha già annunciato che aprirà oggi trattative con Podemos e Ciudadanos. I leader dei due partiti del ‘nuovo’ Pablo Iglesias e Albert Rivera hanno lanciato nella notte una sfida per il potere centrale a Rajoy in vista delle politiche di novembre. “Assumiamo la sfida di vincere le elezioni generali contro il Pp – ha detto Rivera – inizia a scriversi in Spagna la fine del bipartitismo”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Russia-Ucraina, Putin mobilita l’esercito: “L’Occidente ha superato i limiti di aggressione”

Spirano venti di guerra globale. Chiamati 300mila riservisti. Il presidente della federazione russa avverte: "L'Occidente ha deciso per la minaccia nucleare contro di noi. Io dico all'Occidente (e alla NATO): "Abbiamo parecchie armi per rispondere. Non è un bluff". Intanto è stato indetto un Referendum per l'indipendenza del Donbass

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER