9 Agosto 2022

Argentina, il nuovo presidente è l'oriundo italiano Mauricio Macri

Stessa categoria

Argentina, il nuovo presidente è l'oriundo italiano Mauricio MacriUn ballottaggio storico in una domenica di sole a Buenos Aires soprattutto per Mauricio Macri: secondo i primi dati il leader della coalizione di centro-destra “Cambiemos” ha battuto con un distacco consistente (53,48% contro 46,52) alle presidenziali in Argentina il peronista Daniel Scioli.

Pochi istanti dopo la chiusura delle urne (alle 18, le 22 in Italia) e la diffusione di indiscrezioni sugli exit poll che davano un forte distacco tra i due candidati, nel bunker di “Cambiemos” a Buenos Aires è scattata la ‘fiesta’: i simpatizzanti del ‘macrismo’ hanno saltato e ballato, mentre urlavano ‘Mauricio presidente’.

Subito dopo è intervenuto Marcos Peña, uomo chiave dello ‘staff’ di Macri: “Siamo molto, molto, felici per quanto è successo oggi in Argentina”. Completamente diverso invece il clima nel quartier generale di Scioli, l’hotel ‘Nh Bolivar’, dove c’era poca gente e il sentimento prevalente è l’amarezza. E dove s’invitava la stampa “ad aspettare i dati ufficiali”.

Come tante altre volte negli ultimi decenni, la scelta politica chiave delle elezioni di oggi nel paese sudamericano è stata quella tra peronismo e ‘non peronismo’. Tra dare ancora una chance in altre parole al peronismo al potere, oppure chiudere il ciclo e aprire le porte al centro-destra e al cambio: anzi, al ‘Cambiemos’ guidato da Macri.

Liberale e fautore di programmi marcatamente “pro-business”, durante la campagna elettorale ha attaccato duramente il ‘kirchnerismo’, il peronismo di sinistra al potere da 12 anni, prima con Nestor Kirchner, poi con la consorte, Cristina. Il 56/enne sindaco della città di Buenos Aires è quindi riuscito a convincere la maggioranza degli elettori, dimostrando così di aver azzeccato la coalizione vincente, creata mesi fa tra il suo partito (Propuesta Republicana, Pro) e due forze centriste (radicali e Coalicion Civica).

Diversa la situazione sull’altro schieramento in corsa, quello del peronista Fronte para la Victoria guidato da Scioli, governatore a sua volta della provincia di Buenos Aires. Scioli è infatti rimasto intrappolato in una contraddizione di fondo: non ha tagliato del tutto il cordone ombelicale con la presidente uscente, Cristina Fernandez de Kirchner. E’ stato quindi poco chiaro, proponendosi come l’uomo del rinnovamento peronista ma anche come quello della continuità con la signora Kirchner. Un giorno emblema di un programma politico moderato, l’altro invece ‘Cristina-dipendente’, in sintonia cioè con l’irruenza, nello stile e nelle politiche, della Casa Rosada.

Lo scorso 25 ottobre, nel primo turno, il vincitore politico è fu Macri, prova che la formidabile macchina elettorale del peronismo si era inceppata, tra l’altro anche a causa del complesso rapporto Scioli-Cristina. La conferma dell’ascesa di “Cambiemos” si è avuta nel cuore economico del Paese, la provincia di Buenos Aires dove si è imposta Maria Eugenia Vidal, 42/enne stella nascente del ‘macrismo’: forse, la vera sorpresa di questa storica tornata elettorale in Argentina.

Il Paese pare quindi essere cambiato in profondità e l’opposizione è avviata a chiudere la giornata con il controllo nei principali distretti elettorali. Il “kirchnerismo” rischia invece di scomparire nell’implosione di un peronismo sconfitto e che da domani si rimetterà alla ricerca di una nuova leadership.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER