8 Dicembre 2021

Incubo sul Monte Bianco, funivia bloccata ad alta quota. Tutti salvi

Stessa categoria

Funivia rimane bloccata a 3mila metri, incubo sul Monte Bianco
(Foto Afp)

Tutti salvi i passeggeri (ne erano rimasti 16) della funivia del Monte Bianco che hanno trascorso la notte nelle cabine rimaste sospese in quote per un guasto. Risistemate le corde, le cabine sono state rimesse in movimento e sono arrivate nella stazione, dove i passeggeri sono scesi a terra.

Sono state ore di paura sul Monte Bianco dove alcune cabine, con complessive 110 persone a bordo sono rimaste bloccate a oltre 3.000 metri di quota pare per l’accavallamento dei cavi d’acciao. E’ successo giovedì pomeriggio poco prima delle 17 sul versante francese del massiccio.

A bordo della funivia sospesa in aria tra gli 80 e 100 metri dai ghiacciai, vi erano famiglie e bambini in vacanza. Oltre ottanta persone sono state evacuate dai soccorritori con gli elicotteri in serata, costretti poi a rientrare alla base per una nuvola che toglie visibilità e impedisce di avvicinarsi ai cavi nel tratto terminale della linea, o con le funi calate per oltre 50 metri sul ghiacciaio, in una zona insidiosa per i numerosi crepacci. Ne erano rimaste una trentina che hanno passate la notte sospesi sui ghiacciai del Monte Bianco.

La telesferica panoramica si è bloccata sul versante francese tra le stazioni dell’Aiguille du Midi (3.842 metri) a quella di Punta Helbronner (3.462 metri), al confine con l’Italia.

Due guide alpine valdostane, portate nel pomeriggio in elicottero sopra due cabine, hanno lavorato fino a tarda serata con i colleghi francesi per portare alle persone bloccate coperte e materiale utile a trascorrere la notte in quota.

Il percorso della funivia sul Monte Bianco
Il percorso della funivia sul Monte Bianco

“Siamo in contatto con i clienti, hanno acqua e mezzi di comunicazione”, spiega il presidente della Compagnia del Mont-Blanc, Mathieu Dechavanne, che gestisce la tratta. Tra gli evacuati “non mi sono stati segnalati casi di malori”, aggiunge Roberto Francesconi, amministratore delegato di Skyway, la funivia italiana del Monte Bianco che funziona senza problemi e che ha riportato a valle le persone tratte in salvo.

Poi aggiunge: “I francesi sono in contatto radio con i loro clienti, vogliono far sapere che la situazione non è di pericolo”. L’allarme è scattato alle 16.30. “I francesi ci hanno chiamato dicendoci che avevano un guasto”, spiega Francesconi.

Cavi che si sono “accavallati”, forse a causa del vento. I tecnici d’Oltralpe intervenuti non sono riusciti a risolvere il problema, continueranno a provarci per tutta la notte. Nel frattempo quello che sembrava ai clienti della funivia un inconveniente da poco, è diventato un problema di protezione civile.

Dopo una nottata di tentativi, a bordo della funivia sono rimaste 16 persone. Le operazioni di soccorso sono riprese all’alba di venerdì. Gli elicotteri si sono alzati in volo da Aosta e da Chamonix per recuperare le persone rimaste bloccate nelle cabine.

La funivia Skyway, sul versante italiano del massiccio, sottolinea in una nota “di essere abilitata al servizio notturno e di essere impegnata in queste ore per portare a valle eventuali persone che dovessero riuscire a raggiungere Punta Hellbronner”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER