15 Agosto 2022

Ong in missioni contro la povertà coinvolte in abusi sessuali

Un'inchiesta del Times svela rete di presunti "pedofili predatori" nello scandalo della Oxfam sulle violenze ad Haiti e Ciad. Il quotidiano tira in ballo anche le Ong Save the Children e Christian Aid

Stessa categoria

Oxfam
Oxfam in missione umanitaria (thesun/getty)

Sarebbe coinvolta anche la Ong Save the Children nello scandalo sui presunti abusi sessuali Oxfam, l’organizzazione umanitaria britannica al centro di una bufera internazionale dopo che circa 120 suoi volontari, secondo un’inchiesta del Times, avrebbero compiuto violenze ai danni di persone nelle missioni di aiuti in alcuni paesi sottosviluppate. Tra le vittime vi sarebbero anche minori, caduti nella rete di “pedofili predatori”, come scrive il giornale.

L’inchiesta svela festini con prostitute ad Haiti e non solo da parte di Oxfam. Il quotidiano londinese tira in ballo anche Save the Children e Christian Aid, quali Ong coinvolte nello scandalo. La Croce Rossa britannica ammette 5 casi di sospette molestie in patria.

Sullo scandalo sessuale che ha investito Oxfam è intervenuta Penny Mordaunt, ministro inglese per la Cooperazione internazionale che ha parlato di “un fallimento morale” per i vertici questa Ong umanitaria che avrebbero invece dovuto battersi contro la povertà. Roland van Hauwermeiren, ex capo di Oxfam ad Haiti aveva ammesso abusi sessuali.

Mordaunt, che ha bollato di “comportamento orribile e spregevole”, della Oxfam ribadendo che il suo dicastero non era stato informato dei presunti abusi a Haiti o nel Ciad. Ora attende rassicurazioni in un incontro fissato per domani, pena la confermata minaccia d’un taglio dei fondi. L’organizzazione umanitaria, con sede a Oxford, ha percepito solo per il 2017, 32 milioni di sterline di finanziamenti.

Dall’inchiesta emerge che dei 31 casi di presunti abusi registrati su Save the Children, solo 10 sono stati denunciati alla polizia, mentre su Oxfam ne sono stati segnalati 53 su 87


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Auto finisce in un canale, morti 4 giovanissimi

Tragedia alle porte di Treviso. Per cause in corso di accertamento il veicolo è sbandato finendo in un canale di scolo

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER