16 Aprile 2024

Stretta in Gran Bretagna sull’immigrazione clandestina, migranti saranno “deportati” e respinti

Correlati

Giro di vite senza precedenti contro l’immigrazione illegale (nel Regno Unito). Il Governo britannico domani presenterà in Parlamento un disegno di legge draconiano che renderà un crimine attraversare la Manica su imbarcazioni di fortuna per raggiungere l’Inghilterra.

I migranti che arriveranno senza visto d’ingresso saranno “deportati” e perderanno per sempre il diritto a risiedere nel Regno Unito o a richiedere la cittadinanza britannica.

«Che sia chiaro, chi arriva qui illegalmente non potrà restare», ha dichiarato il premier Rishi Sunak, che appena eletto aveva dichiarato che fermare i migranti che sbarcano sulla costa inglese è una delle priorità del suo Governo.

Nel 2022 quasi 46mila migranti arrivati dalla Manica
Riprendersi il controllo dei confini era uno degli obiettivi principali di Brexit, ma da allora l’immigrazione è aumentata. Il Governo conservatore vuole dimostrare di avere un piano d’azione che funzioni, anche perché secondo i sondaggi l’immigrazione illegale è una delle preoccupazioni principali degli inglesi dopo l’economia e il costo della vita.

Lo scorso anno quasi 46mila migranti hanno attraversato la Manica su canotti e barche, un aumento vertiginoso dai 28mila del 2021, e in gennaio e febbraio di quest’anno nonostante il tempo inclemente tremila persone hanno già raggiunto le coste inglesi. I migranti provengono soprattutto dall’Albania, dall’Iran, dall’Iraq, dall’Afghanistan e dalla Siria.

Sunak venerdì incontrerà il presidente francese Emmanuel Macron nella speranza di raggiungere un’intesa con la Francia, da dove partono quasi tutti i migranti che attraversano la Manica.

Sunak mira al recesso dalla Convenzione europea
Finora tutti i migranti che vogliono chiedere asilo in Gran Bretagna sono tutelati dalla Convenzione dei Rifugiati dell’Onu e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Secondo indiscrezioni credibili, Sunak vorrebbe ora recedere dalla Convenzione europea per poter procedere con il giro di vite e permettere la rimozione immediata dei migranti.

Il Governo intende anche procedere con il piano già presentato di deportare i migranti in Rwanda senza diritto di ritorno in Gran Bretagna. Il piano è stato finora bloccato da una serie di cause intentate da associazioni umanitarie.

Le reazioni alle proposte di Sunak sono state immediate e negative. Il Refugee Council ha sottolineato che due terzi delle persone che lo scorso anno hanno attraversato la Manica hanno diritto di asilo perché provengono da Paesi a rischio come Afghanistan, Siria o Sudan.

La Croce Rossa ha definito «estremamente preoccupante» il piano del Governo britannico, mentre l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha dichiarato che «tutti hanno il diritto di chiedere asilo in un altro Paese per sfuggire alla persecuzione, e chiedere asilo non può mai essere illegale». (Il Sole 24 Ore)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)