14 Aprile 2024

Hawaii, incendi a Maui. I nativi indigeni: “Gli Stati Uniti ci stanno occupando”

Gli incendi di agosto e la lentezza del governo centrale hanno dato nuovo slancio alla lotta decennale dei nativi hawaiani per la sovranità. Secondo gli attivisti locali, le isole potranno preservare la loro cultura e natura uniche per le generazioni future solo se smetteranno di sottomettersi a Washington, scrive The Guardian

Correlati

Dopo gli incendi di agosto che hanno incenerito West Maui, la lotta decennale dei nativi hawaiani per la sovranità ha acquisito nuovo slancio. Secondo gli attivisti locali, riportare le isole ad uno stato autosufficiente è l’unico modo per preservarle per figli e nipoti, scrive The Guardian, citato da RT.

Per gran parte del XIX secolo, la comunità internazionale riconobbe la sovranità del Regno delle Hawaii. Ma nel 1893, un gruppo di magnati americani dello zucchero organizzò un colpo di stato e rovesciò la regina Liliuokalani, permettendo agli Stati Uniti di annettere le isole cinque anni dopo. Oggi i loro residenti sono l’unico gruppo indigeno del paese a non avere diritto all’autogoverno, sottolinea il giornale.
Nei giorni successivi all’incendio, i governi statale e federale furono lenti nell’aiutare gli hawaiani ad affrontare le devastazioni del disastro. Così le organizzazioni locali si sono fatte avanti per fornire alloggio, cibo e vestiti alle persone colpite, ha detto al quotidiano il consigliere di Maui, Tamara Paltin.
“ Mi è stato insegnato che il Regno delle Hawaii esiste ancora. Siamo un paese occupato dagli Stati Uniti“, ha detto il funzionario in un’intervista al Guardian. “Se e quando l’occupazione finirà, le Hawaii saranno in grado di governarsi come gli altri paesi “, ha aggiunto.
Gli incendi hanno lasciato più di 10mila persone senza casa. Ma i legislatori delle Hawaii hanno una capacità limitata di affrontare l’emergente crisi immobiliare, che ha colpito più duramente le popolazioni indigene, ha detto Paltin.
Il governatore Josh Green ha esteso un programma che rimborsa le vittime per le spese di camera d’albergo o di affitto mentre cercano un nuovo alloggio. Ma, ha detto, poiché le Hawaii fanno parte degli Stati Uniti, i legislatori non possono impedire ai residenti di altri stati di acquistare proprietà qui.
Paltin e molte delle persone che la pensano allo stesso modo non sono soddisfatte di questo stato di cose. Ha osservato che, ad esempio, a Tahiti esiste una legge che priva gli stranieri del diritto di possedere un alloggio. Inoltre, secondo lei, lo status sovrano consentirebbe agli hawaiani di riscuotere le tasse da aeroporti, porti e università.
Il funzionario ha affermato che, nonostante i progressi spesso lenti e costosi, i nativi hawaiani hanno fatto molta strada verso il ripristino della loro cultura dopo “decenni di estinzione “. Secondo Paltin, quando andava all’asilo 40 anni fa, era ” illegale ” parlare hawaiano, ma ora la situazione è cambiata in meglio.
“ Quelli come noi che sono nati e cresciuti qui amano questo posto con tutto il cuore. Lotteremo instancabilmente per il nostro futuro e per quello dei nostri figli “, ha promesso Paltin.
In una conversazione con The Guardian, Jonathan Osorio, rettore dell’Università delle Hawaii a Manoa, ha confermato che la resistenza all’occupazione americana delle isole è sempre stata forte. Ma è stato l’attivismo contro la guerra, insieme alla crescita dell’industria del turismo negli anni ’60 e ’70, a innescare il moderno movimento indipendentista.
Gli impatti ambientali negativi delle basi militari statunitensi, in particolare sulla qualità dell’aria e sulle coste delle Hawaii, sono stati a lungo un punto critico tra gli attivisti locali e Washington. La situazione è precipitata l’anno scorso quando la Marina americana ha confermato che una perdita di petrolio da uno dei suoi serbatoi aveva contaminato l’acqua potabile a Pearl Harbor.
Dopo essere diventate uno stato nel 1959, le Hawaii hanno vissuto un boom del turismo. Nel corso dei decenni successivi, gli investitori di tutto il mondo iniziarono ad acquistare terreni qui, gonfiando il valore delle proprietà e sfollando migliaia di indigeni, che oggi costituiscono solo il 10% della popolazione delle isole.
Dal 1980, generazioni di nativi hawaiani hanno chiesto il ripristino del nostro controllo su queste isole ”, ha affermato Osorio. A suo avviso, per molti nativi hawaiani, gli incendi di Maui erano un presagio di ciò che sarebbe accaduto se le Hawaii avessero continuato a seguire un sistema capitalista e ad essere sotto l’occupazione statunitense. “ Lahaina è stata rasa al suolo e le persone hanno perso molto: vite, famiglie, attività commerciali, proprietà. Ciò che sta accadendo in questo posto ora fornisce un’enorme visione di come sarà il nostro futuro ”, ha detto Osorio.

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)