2 Dicembre 2023

Ecco come Hamas ha beffato Israele. A settembre i finti attacchi in bella vista. IL VIDEO

Nel mese di settembre le milizie palestinesi hanno svolto delle esercitazioni armate, con lanci di razzi, sparatorie e assalti simulati. Tutto sotto lo sguardo di molti occhi elettronici israeliani che sorvegliano la zona più sensibile del pianeta

Correlati

Non soltanto Hamas ha preparato gli attacchi del 7 ottobre con oltre un anno di anticipo, ma ha fatto anche delle simulazioni, delle esercitazioni armate, ultima delle quali a settembre 2023, un mese prima, tutto in bella vista. Simulazioni e attacchi veri svolti nel corridoio più sorvegliato del mondo che separa con barriere di fino spinato i “confini” tra la Striscia di Gaza e Israele.

Appare chiaro che qualcosa nell’intelligence israeliana è andato storto ed è per questa ragione che gli oppositori interni di Netanyahu parlano di “fallimento” e invocano le sue dimissioni dopo il potente attacco a colpi di razzi contro Israele che ha provocato una carneficina tra soldati e civili, oltre a sequestri e rapimenti di persone e intere famiglie, ancora oggi ostaggio del gruppo armato palestinese.

Meno di un mese prima che i combattenti di Hamas sfondassero il “muro di ferro” altamente tecnologico di Israele e lanciassero un attacco che avrebbe causato la morte di più di 1.200 israeliani, si sono esercitati in una prova generale molto pubblica che la stessa organizzazione ha trasmesso lo scorso settembre sui canali sociali. La notizia che riportiamo è stata pubblicata dall’Associated Press, poi da Arab News e da altre testate.

Un video di propaganda che dura due minuti, prodotto con perizia, pubblicato sui social media da Hamas il 12 settembre, mostra i combattenti che usano esplosivi per sfondare una replica del cancello di confine, irrompere su camioncini e poi spostare un edificio dopo l’altro attraverso una ricostruzione in scala reale del una città israeliana, che spara con armi automatiche contro bersagli di carta con sagoma umana.

L’esercitazione a fuoco vivo del gruppo militante islamico, soprannominata operazione “Pilastro forte”, mostra anche militanti che indossano giubbotti antiproiettile e tute da combattimento mentre eseguono rapidamente operazioni che includevano la distruzione di modelli delle torri di cemento del muro e di un’antenna per le comunicazioni, proprio come farebbero. per davvero nell’attentato mortale di sabato scorso.

Mentre gli apprezzati servizi di sicurezza e intelligence di Israele sono stati chiaramente colti di sorpresa dalla capacità di Hamas di violare le difese di Gaza, il gruppo sembra aver nascosto in bella vista i suoi vasti preparativi per l’assalto mortale.

“C’erano chiaramente avvertimenti e indicazioni che avrebbero dovuto essere colti”, ha detto Bradley Bowman, un ex ufficiale dell’esercito americano che ora è direttore senior del Center on Military and Political Power presso la Foundation for Defense of Democracies, un istituto di ricerca di Washington. “O forse sono stati catturati, ma non hanno dato il via ai preparativi necessari per impedire che questi orribili atti terroristici accadessero.”

L’Associated Press ha esaminato e verificato i dettagli chiave di dozzine di video pubblicati da Hamas nell’ultimo anno, principalmente attraverso l’app di social media Telegram.
Usando le immagini satellitari, l’AP ha abbinato la posizione della città simulata a una zona di deserto fuori Al-Mawasi, una città palestinese sulla costa meridionale della Striscia di Gaza. Un grande cartello in ebraico e arabo al cancello dice “Horesh Yaron”, il nome di un controverso insediamento israeliano nella Cisgiordania palestinese occupata.

Guarda il video della simulazione di Hamas a settembre e gli attacchi veri del 7 ottobre (Attenzione, le immagini sono sensibili)

Bowman ha detto che ci sono indicazioni che Hamas abbia intenzionalmente portato i funzionari israeliani a credere che si stesse preparando a compiere raid in Cisgiordania, piuttosto che a Gaza. È stato anche potenzialmente significativo il fatto che l’esercitazione si sia tenuta ogni anno a partire dal 2020 a dicembre, ma quest’anno sia stata anticipata di quasi quattro mesi in concomitanza con l’anniversario del ritiro di Israele da Gaza nel 2005.

In un video separato pubblicato su Telegram dall’esercitazione Strong Pillar del 28 dicembre dell’anno scorso, vengono mostrati i combattenti di Hamas mentre assaltano quella che sembra essere una base militare israeliana simulata, completa di un modello a grandezza naturale di un carro armato con una bandiera israeliana che sventola sul suo supporto. torretta. Gli uomini armati si muovono attraverso gli edifici di cemento, sequestrando come ostaggi altri uomini che interpretano il ruolo di soldati israeliani.

Michael Milshtein, un colonnello israeliano in pensione che in precedenza era a capo del dipartimento di intelligence militare che supervisionava i territori palestinesi, ha affermato di essere a conoscenza dei video di Hamas, ma di essere comunque colto di sorpresa dall’ambizione e dalla portata dell’attacco di sabato.
“Sapevamo dei droni, sapevamo delle trappole esplosive, sapevamo degli attacchi informatici e delle forze marine… La sorpresa è stata il coordinamento tra tutti questi sistemi”, ha detto Milshtein.

I motivi dell’incapacità di Israele di anticipare e fermare l’attacco di sabato risalgono ad almeno un decennio fa. Di fronte ai ricorrenti attacchi da parte dei militanti di Hamas che scavano tunnel sotto la recinzione del confine israeliano, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha proposto una soluzione molto concreta: costruire un muro più grande.

Con l’aiuto finanziario dei contribuenti statunitensi, Israele ha completato la costruzione di un progetto da 1,1 miliardi di dollari per rafforzare le sue difese esistenti lungo il confine terrestre di 40 miglia con Gaza nel 2021. La nuova barriera potenziata comprende una “recinzione intelligente” alta fino a 6 metri (19,7 piedi) di altezza, addobbato con telecamere in grado di vedere nell’oscurità, filo spinato e sensori sismici in grado di rilevare lo scavo di tunnel a più di 200 piedi di profondità. I posti di guardia presidiati furono sostituiti con torri di cemento sormontate da mitragliatrici telecomandate.

“Nel nostro vicinato dobbiamo proteggerci dalle bestie selvagge”, ha detto Netanyahu nel 2016, riferendosi ai palestinesi e ai vicini stati arabi. “Alla fine, per come la vedo io, ci sarà una recinzione come questa che circonderà Israele nella sua interezza”.

Poco dopo l’alba di sabato, i combattenti di Hamas hanno sfondato il muro di Netanyahu in pochi minuti. E lo hanno fatto a un prezzo relativamente basso, usando cariche esplosive per aprire buchi nella barriera e poi inviando bulldozer per allargare le brecce mentre i combattenti affluivano in motociclette e camioncini. Telecamere e apparecchiature di comunicazione sono stati bombardati da droni commerciali standardizzati adattati a lanciare bombe a mano e proiettili di mortaio – una tattica presa direttamente in prestito dai campi di battaglia dell’Ucraina.

I cecchini hanno eliminato i sofisticati fucili robot israeliani prendendo di mira le loro scatole di munizioni esposte, facendole esplodere. Miliziani armati di fucili d’assalto hanno sorvolato le difese israeliane sorrette da parapendii, fornendo truppe aviotrasportate di Hamas nonostante la mancanza di aerei. Razzi artigianali sempre più sofisticati, capaci di colpire la capitale israeliana Tel Aviv, hanno sostituito la mancanza di artiglieria pesante.

Le immagini satellitari analizzate dall’AP mostrano l’enorme portata dei danni arrecati al valico di frontiera di Erez, pesantemente fortificato, tra Gaza e Israele. Le immagini scattate domenica e analizzate martedì mostravano buchi enormi in tre sezioni del muro di confine, il più grande largo più di 70 metri (230 piedi).

Una volta sfondato il muro, i combattenti di Hamas sono affluiti a centinaia. Un video mostrava un carro armato israeliano solitario che correva verso la vista dell’attacco, solo per essere attaccato e rapidamente distrutto in una palla di fuoco. Hamas ha poi disabilitato le torri radio e i siti radar, probabilmente impedendo ai comandanti israeliani di vedere e comprendere la portata dell’attacco.

Le forze di Hamas hanno anche colpito una vicina base militare vicino a Zikim, ingaggiando un intenso scontro a fuoco con le truppe israeliane prima di invadere la postazione. I video pubblicati da Hamas mostrano scene grafiche con dozzine di soldati israeliani morti.

Si sono poi sparpagliati attraverso le campagne del sud di Israele, attaccando i kibbutz e un festival musicale. Sui corpi di alcuni militanti di Hamas uccisi durante l’invasione c’erano mappe dettagliate che mostravano le zone pianificate e le rotte di attacco, secondo le immagini pubblicate dai primi soccorritori israeliani che hanno recuperato alcuni dei cadaveri. Mercoledì le autorità israeliane hanno annunciato di aver recuperato i corpi di circa 1.500 combattenti islamici, anche se non sono stati forniti dettagli su dove sono stati trovati o come sono morti.

Esperti militari hanno detto all’AP che l’attacco ha mostrato un livello di sofisticazione mai dimostrato in precedenza da Hamas, suggerendo probabilmente che avessero un aiuto esterno.
“Sono rimasto impressionato dalla capacità di Hamas di utilizzare le nozioni di base e fondamentali per riuscire a penetrare il muro”, ha affermato il tenente colonnello in pensione dell’esercito americano Stephen Danner, un ingegnere da combattimento addestrato a costruire e violare le difese. “Sembravano in grado di trovare quei punti deboli, penetrarli rapidamente e quindi sfruttare quella breccia”.

Ali Barakeh, un alto funzionario di Hamas con sede a Beirut, ha riconosciuto che nel corso degli anni il gruppo ha ricevuto rifornimenti, sostegno finanziario, competenze militari e addestramento dai suoi alleati all’estero, tra cui l’Iran e Hezbollah in Libano. Ma ha insistito sul fatto che la recente operazione per violare le difese del confine israeliano è stata fatta internamente, con la data e l’ora esatte dell’attacco conosciute solo da una manciata di comandanti all’interno di Hamas.

I dettagli dell’operazione sono stati tenuti così segreti che alcuni combattenti di Hamas che hanno preso parte all’assalto sabato credevano che si stessero dirigendo solo ad un’altra esercitazione, presentandosi in abiti civili piuttosto che in uniforme, ha detto Barakeh.
Il devastante attacco a sorpresa dello scorso fine settimana ha scosso il sostegno politico a Netanyahu in Israele, che ha continuato a spendere ingenti spese per costruire muri nonostante alcuni all’interno del suo stesso gabinetto e i militari avvertissero che probabilmente non avrebbe funzionato.

Nei giorni successivi all’attacco di Hamas, gli alti funzionari israeliani hanno ampiamente deviato le domande sul muro e sull’apparente fallimento dell’intelligence. Il contrammiraglio Daniel Hagari, portavoce principale delle forze di difesa israeliane, ha riconosciuto che l’esercito deve una spiegazione al pubblico, ma ha detto che ora non è il momento.
“Prima litighiamo, poi indaghiamo”, ha detto.

Nella sua spinta per costruire muri di confine, Netanyahu ha trovato un partner entusiasta nell’allora presidente Donald Trump, che ha elogiato il muro di ferro di Netanyahu come potenziale modello per la barriera ampliata che aveva progettato per il confine meridionale degli Stati Uniti con il Messico.
Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno ampliato un’iniziativa congiunta con Israele avviata sotto l’amministrazione Obama per sviluppare tecnologie per il rilevamento di tunnel sotterranei lungo le difese del confine di Gaza. Dal 2016, il Congresso ha stanziato 320 milioni di dollari per il progetto.

Ma nonostante tutti i suoi gadget high-tech, il Muro di Ferro era ancora in gran parte solo una barriera fisica che poteva essere superata, ha affermato Victor Tricaud, analista senior della società di consulenza Control Risks con sede a Londra.

“La recinzione, non importa quanti sensori… non importa quanto siano profondi gli ostacoli sotterranei, alla fine è effettivamente una recinzione metallica”, ha detto. “Gli esplosivi e i bulldozer alla fine possono attraversarlo. Ciò che è notevole è stata la capacità di Hamas di tenere nascosti tutti i preparativi”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina Italia 0-0, un pareggio che vale il pass per l’Europeo 2024

Match ricco di emozioni alla BayArena, con la Nazionale che ottiene una qualificazione sofferta quanto meritata: ancora un Chiesa formato super, decisivo Donnarumma. A giugno in Germania potremo difendere il titolo conquistato a Wembley

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, arrestate due persone vicine a clan reggino

Alle prime ore di questa mattina, i Carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro, con il supporto operativo di personale...

I misteri del Covid, dei Vaccini e delle Morti improvvise

Popolari sul Covid


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)