2 Marzo 2024

Israele intensifica gli attacchi su Gaza, quasi 200 morti in 24ore

Correlati

Israele intensifica gli attacchi su Gaza. Intensi colpi di carri armati e bombardamenti aerei hanno colpito la scorsa notte e questa mattina Khan Yunis. Raid aerei sono stati effettuati anche sul campo di Nuseirat, nel centro di Gaza, secondo medici e giornalisti palestinesi. Le forze israeliane hanno colpito Khan Younis in preparazione di un’ulteriore avanzata nella principale città meridionale, conquistata in parte all’inizio di dicembre. Le autorità di Gaza hanno confermato l’uccisione di 187 palestinesi nei raid israeliani sulla Striscia nelle ultime 24 ore, e aggiornato il totale delle vittime palestinesi a 21.507 morti.

Secondo quanto annunciato dalle Forze di difesa israeliane l”aviazione e la marina israeliane hanno colpito nelle scorse ore cellule terroristiche e infrastrutture in tutta la Striscia di Gaza. Nella città di Gaza nel corso della giornata di ieri decine di terroristi “sono state eliminate” in diversi scontri, con l’assistenza dell’aviazione. Le truppe hanno anche distrutto due edifici utilizzati da Hamas a Beit Lahiya, nel nord di Gaza, confiscando grandi quantità di attrezzature militari, tra cui bombe, armi e apparecchiature per le comunicazioni.

Hamas: “Non vogliamo un’altra tregua temporanea”

Non ci sono stati colloqui relativi ad un accordo sugli ostaggi in cambio di un’altra tregua temporanea. A dichiararlo, parlando con Al Jazeera, è stato Osama Hamdan, esponente di Hamas in Libano, secondo il quale Hamas avrebbe informato i mediatori che la priorità del gruppo riguarda un cessate il fuoco permanente e che al momento non si parla di rilasciare ostaggi prima che i combattimenti cessino. Secondo Hamdan, Israele avrebbe fatto trapelare false informazioni al fine di respingere le crescenti pressioni interne sul governo per un accordo sugli ostaggi. A riferirne è il Times of Israel.

Intanto il vice segretario generale delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari, Martin Griffiths, lancia un appello per un aumento “urgente” degli aiuti destinati alla popolazione di Gaza a fronte di un nuovo “esodo di massa” verso il valico di Rafah, tra l’Egitto e il sud della Striscia.

Gli operatori umanitari dell’Onu stimano in circa 100mila il numero degli sfollati arrivati a Rafah negli ultimi giorni, e temono l’ulteriore peggioramento delle già “terribili condizioni nella zona”. “Una popolazione traumatizzata ed esausta” viene “stipata all’interno di una porzione di terra sempre più piccola”, ha denunciato Griffiths. “Pensate che portare aiuti a Gaza sia facile? Ricredetevii”, ha scritto venerdì il rappresentante delle Nazioni Unite in un post su X, in cui ha elencato gli ostacoli che devono affrontare gli operatori umanitari nella Striscia di Gaza. “Tre livelli di ispezione prima che i camion possano entrare”, punti di ingresso insufficienti, “bombardamenti costanti”, scarse comunicazioni e strade danneggiate sono alcuni degli ostacoli che frenano la consegna degli aiuti umanitari in una regione dove “gli operatori umanitari vengono a loro volta cacciati e uccisi” e in cui “i rifugi hanno superato da tempo la loro capacità massima”. “E’ una situazione impossibile per la popolazione di Gaza e per coloro che cercano di aiutarla. I combattimenti devono finire”, ha insistito Griffiths.

Secondo i dati delle Nazioni Unite,circa 1,9 milioni di abitanti di Gaza, pari all’85% della popolazione dell’enclave, sono sfollati dalla ripresa del conflitto tra Israele e il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) il 7 ottobre.

4 militanti Hezbollah uccisi, dal 7/10 sono 133 i morti in Libano e Siria

Quattro militanti dell’organizzazione paramilitare sciita libanese Hezbollah sono stati uccisi. Lo ha confermato oggi la stessa organizzazione senza fornire ulteriori dettagli su quando sarebbero stati uccisi e sul luogo in cui è successo. Si tratta di Hassan Moussawi, Haidar al-Mazawi, Rakan Seif e Abbas al-Ajami, tutti provenienti dalla valle della Beqa, a circa 30 km ad est di Beirut. Dall’inizio del conflitto scoppiato dopo l’attacco di Hamas ad Israele lo scorso 7 ottobre, riferisce il quotidiano libanese ‘L’Orient – Le Jour’ sono 133 i militanti dell’Hezbollah che sono morti sul fronte libanese e siriano.

Siria, almeno 9 miliziani filo-iraniani uccisi da raid attribuiti a Usa

Almeno nove miliziani filo-iraniani sono stati uccisi e quasi trenta sono stati feriti in una serie di attacchi notturni che gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani attribuiscono ad aerei di guerra statunitensi durante un’operazione nella Siria orientale, vicino al confine iracheno. Gli attacchi si sono concentrati su siti appartenenti alle milizie filo-iraniane vicino a Haggana e alla città di Albukamal dove si troverebbe un centro di addestramento. Inoltre, l’Osservatorio riferisce sul suo sito di un altro attacco contro un convoglio di miliziani appena entrato in territorio siriano dall’Iraq diretto ad Albukamal, dove sono stati colpiti anche veicoli e depositi di munizioni. Le vittime sono state identificate come tre combattenti siriani e sei stranieri, secondo l’Osservatorio con sede a Londra. Altre 27 persone sono rimaste ferite, alcune gravemente, in un attacco come ritorsione per gli attacchi portati avanti da queste milizie contro posizioni militari statunitensi in Siria e Iraq in risposta alla campagna militare israeliana nella Striscia di Gaza.

14 palestinesi in campo profughi di Jalazone, in Cisgiordania

Le forze israeliane hanno arrestato 14 palestinesi nel campo profughi di Jalazone, a nord di Ramallah, in Cisgiordania, nel corso di un raid iniziato alle prime ore di oggi. A riferirne è Al Jazeera.

Amministrazione Biden approva vendite per 150 milioni in attrezzature militari a Israele

L’amministrazione Biden ha aggirato il Congresso per approvare una vendita di quasi 150 milioni di dollari in attrezzature militari a Israele per la seconda volta dall’inizio del mese. Il segretario di Stato Antony Blinken ha informato il Congresso di aver preso una decisione in urgenza per approvare immediatamente il trasferimento di “articoli ausiliari da 155 mm, tra cui spolette e inneschi che rendono funzionali i proiettili da 155 mm”, ha reso noto un portavoce del Dipartimento di Stato.

“Data l’urgenza delle esigenze difensive di Israele, il Segretario ha notificato al Congresso di aver esercitato la sua autorità delegata per determinare l’esistenza di un’emergenza che richiedesse l’approvazione immediata del trasferimento”, ha aggiunto, ricordando che questi articoli sono stati aggiunti ai precedenti, e “hanno aumentato il valore totale della vendita a 147,5 milioni di dollari”. A riferirne è la Cnn.

Wsj, 70% delle abitazioni a Gaza colpite o distrutte

Circa la metà degli edifici a Gaza sono stati danneggiati o distrutti dalla guerra, una percentuale nella quale sono incluse le abitazioni, colpite nella misura del 70%. A scriverne è il Wall Street Journal, che basa il suo rapporto su fotografie satellitari e altri metodi di telerilevamento. Tra gli edifici presi di mira – afferma – ci sono fabbriche, case di preghiera, scuole, centri commerciali e alberghi. Le forze israeliane hanno spesso ripetuto che molte scuole, moschee e altri edifici sono stati colpiti perché utilizzati per scopi militari e come basi operative dai gruppi terroristici di Gaza.

Solo otto dei 36 ospedali di Gaza possono accettare pazienti – continua il rapporto – e la maggior parte delle infrastrutture di base, per acqua, elettricità e comunicazioni, è stata demolita.

“La parola ‘Gaza’ passerà alla storia insieme a Dresda e ad altre famose città che sono state bombardate”, ha dichiarato al giornale Robert Pape, un politologo dell’Università di Chicago autore di studi sulla storia dei bombardamenti aerei. Ne riferisce il Times of Israel.

Fonte:Adnkronos

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)