27 Febbraio 2024

Continuano i massacri israeliani a Gaza, in 24ore uccisi 118 civili palestinesi

Le vittime arabe dall'inizio delle ostilità sono 27.019, mentre 66.139 sono rimasti feriti. I militari israeliani hanno anche arrestato decine di persone. Sono 6.460 le persone detenute nelle carceri di Israele

Correlati

Fonti mediche citate dall’agenzia Wafa hanno affermato giovedì che “le forze di occupazione israeliane hanno commesso 15 massacri contro famiglie palestinesi nella Striscia di Gaza, uccidendo 118 civili e 190 feriti, nelle ultime 24 ore”.

Le stesse fonti indicano che “il numero dei palestinesi uccisi è salito a 27.019, mentre 66.139 sono rimasti feriti dall’inizio dell’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza, il 7 ottobre”.

“Migliaia di civili rimangono sotto le macerie e sulle strade, poiché le forze di occupazione impediscono alle ambulanze e agli equipaggi della protezione civile di raggiungerli”.

Intanto, Mercoledì – riporta l’agenzia -, le forze israeliane hanno arrestato almeno 41 palestinesi, tra cui una donna, durante raid e perquisizioni militari in vari distretti della Cisgiordania, secondo fonti di sicurezza e la Società dei Prigionieri Palestinesi (PPS).

Si dice che le forze israeliane abbiano arrestato un palestinese della città di Tubas, nel nord della Cisgiordania .

Il PPS ha aggiunto che nella città di Arraba, a sud di Jenin, è stato effettuato un raid militare, che ha provocato l’arresto di quattro persone. Un ragazzo di 17 anni insieme a due giovani sono stati arrestati nel campo di Ain Al-Sultan, a nord-ovest della città di Gerico.

Le forze militari israeliane hanno arrestato almeno 28 palestinesi provenienti da diverse aree della città di Betlemme. Nel frattempo, le forze israeliane hanno arrestato ulteriormente due persone mentre stavano attraversando un posto di blocco militare vicino al villaggio di Salem, a est della città di Nablus. Un altro palestinese è stato arrestato dal villaggio di Beit Iba, a ovest della città.

“Due palestinesi sono stati arrestati quando le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione nella città di Yatta, a sud di Hebron”.

“Il numero totale dei palestinesi detenuti dall’inizio dell’aggressione israeliana nella Striscia di Gaza il 7 ottobre è salito a quasi 6.460”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)