2 Marzo 2024

Chi beve vino rosso campa cent'anni (ma non alla guida)

Correlati

Chi beve vino rosso campa cent'anniChi beve vino rosso campa cent’anni, recita un antico adagio. Al tempo dei romani era la “bevanda” preferità dagli imperatori. Ancora prima, nel periodo ellenico, era definito il nettare degli Dei.

La storia del vino rosso è ultra millenaria grazie a precursori come Bacco e Dionisio che furono i primi a scoprire i benefici del vino.

Una storia tramandata da generazione in generazione fino ai giorni nostri. Per l’Italia il vino è uno dei prodotti “Made in Italy” più esportati al mondo. Perché piace, accompagna bene i pasti e, soprattutto, fa bene alla salute per riconoscimento scientifico.

Se rosso, tanto meglio perché gli antiossidanti presenti in questo nettare possono prevenire il deterioramento della memoria tipico dell’età avanzata.

Chi beve vino rosso campa cent'anni
Bacco rappresentato da Caravaggio

Un fatto noto che ribadisce uno studio americano dell’istituto texano A&M il quale si è basato anche su dati provenienti dall’Europa e dal Regno Unito.

La ricerca, pubblicata su Scientific Reports, ha mostrato in particolare le virtù del resveratrolo, un fenolo non flavonoide presente nella buccia dell’acino d’uva.

La sostanza, che è rintracciabile anche in alcuni frutti di bosco e nelle noccioline, secondo i ricercatori è quindi in grado di aiutarci con la memoria soprattutto superata una certa età, una funzione che finora era stata soltanto ipotizzata.

Il team di studiosi ha sottolineato in particolare gli effetti benefici del resveratrolo sull’ippocampo, quella parte del cervello la cui salute è essenziale per la memoria, l’apprendimento e l’umore.

Per gli esperimenti sono stati usati ratti da laboratorio, che hanno appunto mostrato un notevole miglioramento delle capacità mnemoniche se trattati con questo antiossidante. Buone opportunità di intervento si prospettano, precisano inoltre gli scienziati, anche per il trattamento delle depressioni negli anziani.

Quindi, chi beve vino rosso campa cent’anni? Bere del vino a tavola non fa male. Anzi, come molti studi confermano, aiuta a vivere meglio e più a lungo. Ciò che fa invece male sono, come sempre, gli eccessi. Attenzione anche a non bere quando si guida.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)