13 Luglio 2024

Omicidio orafo nel Cuneese, arrestate 5 persone. Non fu un furto

Correlati

La-villa-di-Patrizio-Piatti-il-pensionato-ucciso-dai-ladri
La villa dove è stato ucciso Patrizio Piatti

Sviluppi clamorosi nell’omicidio Piatti, nel Cuneese, avvenuto a giugno 2015. I carabinieri hanno arrestato 5 persone ritenuti coinvolti nel delitto di Patrizio Piatti, l’orafo di 65 anni la mattina del 9 giugno 2015, nella sua villa di frazione San Lorenzo, a Monteu Roero. L’uomo fu ucciso con un colpo di pistola alla testa durante quello che a caldo venne definito un tentativo di rapina andata male.

Le indagini dei Carabinieri del Ros e del comando provinciale di Cuneo, coordinati dalla procura di Asti, hanno accertato che l’omicidio “è maturato nell’ambiente della ricettazione di oggetti preziosi di cui anche la vittima – affermano gli investigatori – faceva parte”.

Gli investigatori durante questi mesi hanno scavato a fondo nella vita di Patrizio Piatti, gioielliere in pensione. Dopo l’omicidio, il racconto della moglie 63enne dell’orafo ha fatto subito insospettire. La donna avrebbe raccontato di un furto nella loro villa, ma quando è stata ispezionata la casa non sarebbe mancato nulla.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina, superata la linea rossa tra Nato e Russia. Con Biden fuori controllo

C'è aria di escalation tra l'Occidente e la Russia, un clima da guerra (ad avviso di molti osservatori 'poco...

DALLA CALABRIA

Il Csm nomina Bombardieri procuratore di Torino

Originario di Riace, 61 anni, il magistrato guidava dal 2018 la distrettuale di Reggio Calabria dopo essere stato aggiunto a Catanzaro

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)