22 Maggio 2024

Recessione e carovita in Germania, migliaia di trattori paralizzano Berlino

Manifestazioni un po' in tutta la Germania da parte degli agricoltori per il caro carburanti e il costo della vita. Imponente quella nella capitale dove hanno partecipato decine di migliaia di persone. La protesta si è allargata anche ad altri settori. Il cancelliere Scholz e il suo governo sono in bilico

Correlati

Imponente manifestazione a Berlino per via del caro benzina e il caro vita. Migliaia di trattori hanno paralizzato il centro di Berlino mentre gli agricoltori di tutta la Germania protestavano davanti alla porta del Parlamento contro l’aumento dei costi e un piano per eliminare gradualmente i sussidi per il carburante agricolo.

Si stima che circa 30.000 manifestanti, tra cui agricoltori sostenuti da molti rappresentanti di altri settori, dalla pesca alla gastronomia alla logistica, lunedì abbiano bloccato le strade intorno al quartiere governativo con i loro veicoli, compresi camion e carrelli elevatori, e persino trattori giocattolo per bambini. In migliaia si sono riversati coi loro mezzi davanti la Porta di Brandeburgo. Il ministro delle finanze Christian Lindner è stato fortemente contestato come del resto insulti e proteste sono state indirizzate al cancelliere Olaf Scholz e al suo governo.

Joachim Rukwied, presidente del sindacato degli agricoltori tedeschi, citato dai media, ha invitato il governo a rinunciare al progetto di eliminare gradualmente i sussidi per il carburante, avvertendo che molti agricoltori sarebbero costretti alla bancarotta a causa di questa decisione.

“Il governo ha la capacità di cambiare questa situazione”, ha detto a migliaia di manifestanti riuniti davanti alla Porta di Brandeburgo, aggiungendo: “Questo è troppo. Ritiriamo le proposte”. Non appena il governo si dimostrerà pronto a fare marcia indietro, ha promesso Rukwied, “i trattori verranno ritirati”.

Da evidenziare che la Germania, un tempo la locomotiva d’Europa, sta scivolando in una recessione a causa della contrazione dell’economia nel 2023. “La vostra protesta è legittima e pacifica”, ha detto Rukwied ai manifestanti, lodandone la “coesione”. Ma le sue parole sono state appena udite nel tumulto rabbioso dei camionisti.

Ha riconosciuto che la rabbia tra gli agricoltori va oltre il sussidio al diesel. “Qualcosa sta fermentando da decenni”, ha detto. “Dobbiamo parlare.” Ha aggiunto che è arrivata una “nuova fase”, “in cui dobbiamo parlare di nuovo di quale sia la funzione dello Stato”.

La manifestazione ha segnato il culmine di una settimana di proteste in tutto il paese che hanno attirato un numero crescente di lavoratori provenienti da altri settori, tra cui migliaia di lavoratori, dagli ingegneri del riscaldamento agli idraulici, arrabbiati per gli alti costi energetici, la burocrazia crescente, l’elevata manodopera aggiuntiva costi e mancanza di consultazione.

I rappresentanti del settore dell’ospitalità presenti chiedono al governo di ritirare il recente aumento dell’IVA sui ristoranti dal 7% al 19%.

Entrando nella capitale tedesca domenica sera, i trattori hanno suonato i clacson e i fari, con un agricoltore che ha acceso una motosega, provocando scontri furiosi tra manifestanti e berlinesi arrabbiati per essere stati disturbati nel sonno.

Proteste simili, su scala minore, hanno avuto luogo in tutto il Paese, bloccando le principali arterie di trasporto. Le proteste si sono estese anche agli impianti di stoccaggio e imballaggio appartenenti ad Amazon, dove i lavoratori hanno recentemente manifestato contro presunte cattive condizioni di lavoro, e alla catena di supermercati Aldi, in quelle che sono state viste come espressioni di più ampi sentimenti di malcontento nei confronti del governo. Proteste analoghe si annunciano in altri paesi europei.

Le manifestazioni stanno mettendo a dura prova il cancelliere Olaf Scholz. Nei sondaggi la sua popolarità sta precipitando. L’estrema destra Alternative für Deutschland è stato accusato da ambienti di maggioranza di aver contribuito all’atmosfera di rabbia.

Alcuni manifestanti hanno chiesto lo scioglimento del governo e nuove elezioni, tenendo in alto modelli a grandezza naturale di esponenti del governo definendoli i “sequestratori del nostro Paese”. Altri brandivano slogan: “Carri armati vuoti – il gioco è finito”, “Senza agricoltori non c’è futuro” e “Trasporti made in Germany – ma per quanto ancora?”

Erano presenti circa 1.300 poliziotti. Il ministro dell’Agricoltura, Cem Özdemir dei Verdi, che si è largamente schierato dalla parte degli agricoltori e ha incolpato Lindner, del partito pro-business dei Democratici liberi, per un cambiamento politico mal comunicato, ha detto alla televisione tedesca prima della manifestazione: “Il problema non è solo la questione del diesel agricolo. Il problema è che nessuno ne ha parlato con loro”.

Ha detto che i manifestanti sono finalmente riusciti nell’impresa di mettere questioni come il ruolo centrale degli agricoltori nella catena di approvvigionamento alimentare in cima all’agenda politica.

Alcuni manifestanti erano arrivati ​​con veicoli carichi di letame che intendevano scaricare davanti alla porta del Bundestag, il palazzo del parlamento vicino alla Porta di Brandeburgo. Ma sono stati dissuasi dal farlo nelle trattative dell’ultimo minuto tra polizia e organizzatori.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Corruzione e turbativa, tre indagati per Milano-Cortina 2026

Inchiesta della procura di Milano sulla Fondazione Milano Cortina, l’ente che organizza i Giochi olimpici invernali del 2026. Tre...

DALLA CALABRIA

Incarichi a parenti in una biblioteca finanziata dalla Regione, 2 arresti

Peculato. E' questa l'accusa contestata a cinque persone indagate nell'ambito di una inchiesta della procura di Vibo Valentia che...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)