16 Luglio 2024

Si ribalta auto a Roma, morti 5 giovani e un ferito grave. Pm: “Auto a 100 km/h”

Il grave incidente è avvenuto alle porte della Capitale. La procura di Tivoli ha aperto una inchiesta contro ignoti con l'ipotesi di omicidio stradale. L'auto, dicono gli inquirenti "andava a circa 100 km/h"

Correlati

Strage della strada vicino la Capitale. Cinque ragazzi sono morti in un gravissimo incidente stradale autonomo alle porte di Roma. Un altro giovane è ferito gravemente.

L’incidente è avvenuto nella notte tra il 26 e 27 gennaio, intorno alle 2.30, a Fonte Nuova sulla via Nomentana, dove per cause in corso di accertamento, l’auto su cui viaggiavano, una Fiat 500, si è ribaltata dopo un curva.

Secondo una prima valutazione a causare l’incidente sarebbe stata la velocità a cui viaggiava il mezzo. Le vittime sono tre ragazzi, tutti di 21 e 22 anni, e due ragazze, di 17 e 18 anni.

Probabilmente alla guida c’era uno dei ragazzi deceduti sul colpo perché l’auto è intestata alla madre. La Procura di Tivoli ha aperto una inchiesta. Si indaga per omicidio stradale contro ignoti.

Le indagini sono state affidate ai carabinieri che dovranno accertare i motivi per i quali la Fiat 500 si è ribaltata, forse dopo avere urtato contro un palo della luce. Quattro persone sono morte sul colpo, una quinta è spirata dopo essere stata trasportata in ospedale. Un sesto giovane è stato trasferito in un nosocomio romano in codice rosso.

Verranno disposte le autopsie sui corpi dei cinque ragazzi su cui dovrebbero essere fatte analisi tossicologiche, almeno sul conducente. Al momento le salme si trovano nell’obitorio di medicina legale della Sapienza. Le vittime, tutte di Fonte Nuova, sono Paolo Valerio, Alessio Guerrieri, Simone Ramazzotti, Flavia Troisi e Giulia Sclavo.

Il ferito, Leonardo Chiapparelli, residente a Guidonia Montecelio, è attualmente ricoverato in prognosi riservata. Sul luogo dell’incidente, in via Nomenatana, sono stati effettuati rilievi a cura dei carabinieri della stazione di Fonte Nuova e dalla sezione radiomobile della compagnia di Monterotondo.

Aggiornamento 28 gennaio. Inquirenti: “Auto andava a 100 km orari”

Andava a circa 100 km/h l’auto su cui viaggiavano i cinque ragazzi morti a Fonte Nuova, centro vicino Roma. La stima è stata fatta dagli inquirenti, citati dall’Ansa, grazie all’analisi delle telecamere di zona che ha immortalato la Fiat 500 transitata una sola volta in quel tratto di strada.
E’ esclusa quindi l’ipotesi di passaggi ripetuti dell’auto in un tratto dove la velocità consentita è di 50 km/h. Sul mezzo verrà, comunque, effettuata una perizia per accertare eventuali guasti tecnici prima del tragico impatto. Sulla vicenda la Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo per omicidio stradale, al momento contro ignoti, affidando le indagini ai carabinieri.

Inoltre, l’auto sarebbe stata omologata per il trasporto di 4 persone mentre a bordo della 500 ce n’erano sei. Le giovani vittime erano di ritorno da una festa di compleanno.

Intanto il ferito Leonardo Chiapparelli, per tutti Leo, non sarebbe in pericolo di vita. Al risveglio avrebbe detto, secondo i media, di non ricordare nulla di quanto è successo. Appena ripreso, dovrebbe essere interrogato dagli investigatori che indagano per accertare ciò che è successo quella sera prima che l’auto si ribaltasse. Da chiarire se all’interno dell’auto gli occupanti indossavano le cinture di sicurezza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca, declassificati documenti della Nato negli anni ’90. “Non un pollice verso Est”

Il portavoce del leader russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto di aver letto gli archivi declassificati pubblicati sui...

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)