26 Maggio 2024

Terrorismo, espulso un tunisino irregolare radicalizzato alla Jihad

Correlati

Questa mattina la Polizia di Stato di Milano ha eseguito il provvedimento di espulsione emesso dal Ministro dell’Interno nei confronti di un cittadino tunisino irregolare sul territorio nazionale, in quanto sprovvisto di titolo di soggiorno e autore di gravi reati per la sicurezza dello Stato.

Allo straniero, già destinatario di provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto di Reggio Calabria il 29.04.2014, in data 26.03.2016 è stato notificato un nuovo provvedimento di espulsione del Prefetto di Bologna, a seguito del quale è stato rimpatriato il 1 giugno 2016.

Nel 2022, tuttavia, il cittadino tunisino è rientrato illegalmente in Italia e arrestato per l’esecuzione della pena di un anno e 4 mesi di reclusione per il reato di rapina.

A suo carico, risultano numerose sentenze di condanna irrevocabili per reati contro il patrimonio, fede pubblica e in materia di armi e stupefacenti, motivo per cui già nel 2012 fu emesso un provvedimento di cumulo pene con cui fu sottoposto alla pena detentiva di anni 6 di reclusione. Nel periodo di detenzione, il nordafricano ha sempre tenuto rapporti con detenuti noti per radicalizzazione religiosa e, in generale, nel periodo di permanenza in Italia, è stato più volte ristretto in carcere e si è dedicato sistematicamente alla commissione di reati.

In considerazione della mancata integrazione sociale e culturale e, soprattutto, della minaccia concreta per l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato, l’uomo è stato trattenuto presso il Cpr di Milano – Corelli al fine di ottenere dalle competenti autorità consolari il documento valido per l’espatrio.

Accompagnato ieri presso il Consolato della Tunisia a Milano dai poliziotti dell’uUfficio immigrazione della Questura milanese, durante le fasi propedeutiche al rilascio del documento consolare, necessario per il rimpatrio, il tunisino ha messo in atto gesti autolesionistici e comportamenti oppositivi per attirare l’attenzione dell’autorità diplomatica. Successivamente lo stesso è stato accompagnato presso l’aeroporto di Roma Fiumicino per essere rimpatriato, oggi, in Tunisia con volo di linea e personale di scorta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Trovato morto a Palermo il marito dell’eurodeputata Francesca Donato. “Omicidio”

Choc nel capoluogo siciliano dove a pranzo è stato trovato morto il coniuge della parlamentare ex leghista. L'uomo era riverso in auto con una fascetta da elettricista attorno al collo

DALLA CALABRIA

Terremoto a Cirò, la Protezione civile: “Paura ma nessun danno”

"A seguito della scossa di terremoto rilevata alle ore 19.35 di ieri, venerdì 24 maggio, di magnitudo 4, con...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)