19 Luglio 2024

Uccide nuora e genero perché sospettava una relazione clandestina tra cognati

Correlati

Avrebbe ucciso il genero e la nuora e poi si è costituito. E’ successo a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, centro balzato alle cronache nei giorni scorsi perché comune di origine di Giulia Tramontano, la donna incinta uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello a Senago, nel Milanese.

Il duplice omicidio, è stato da subito attributo a Raffaele Caiazzo, 45 anni anni, suocero delle vittime Luigi Cammisa, trovato morto in strada, e di Maria Brigida Pesacane, 24enne, ritrovata senza vita in casa. Entrambi sono stati raggiunti da diversi colpi di arma da fuoco.

La pista familiare è stata sin da subito quella seguita dai carabinieri. Le urla dei familiari, per ore, a Sant’Antimo, si sono alternate al rumore dell’elicottero che ricercava Raffaele Caiazzo, quasi immediatamente l’unico sospettato che si è poi costituito e arrestato. Il movente, dalle prime informazioni, sarebbe riconducibile ad una relazione clandestina tra i due cognati. Il suocero è venuto a saperlo e ha deciso di farli fuori.

Luigi Cammisa di 29 anni e Maria Brigida Pesacane di 24 anni, erano cognati perché sposati con Anna e Alfredo Caiazzo, figli del presunto assassino.

È stato condotto nel carcere napoletano di Poggioreale il 44enne Raffaele Caiazzo, fermato dopo essersi costituito per il duplice omicidio commesso a Sant’Antimo (Napoli) del 29enne Luigi Cammisa e della 24enne Maria Brigida Pesacane, coniugi dei suoi due figli Anna e Alfredo e genitori dei suoi quattro nipotini, tutti in tenera età.

Per l’accusa Caiazzo avrebbe agito sulla scorta del sospetto che le due vittime fossero amanti, e avrebbe sparato prima a Cammisa in strada e quindi alla nuora in casa, per poi dileguarsi salvo poi costituirsi, dopo aver saputo di essere ricercato dai carabinieri, alla stazione dell’Arma di Gricignano d’Aversa, nel Casertano.

Caiazzo è stato prima condotto nella sede della compagnia dei carabinieri di Giugliano in Campania, e dopo un lungo interrogatorio in cui avrebbe reso prime parziali ammissioni sulle proprie responsabilità, è stato sottoposto a fermo da parte della Procura di Napoli Nord per il duplice omicidio (contestate anche le aggravanti dei futili motivi e di aver agito contro un affine in linea diretta) e per detenzione e porto d’arma abusivi, e poi trasferito a Poggioreale in attesa della convalida del provvedimento restrittivo da parte del Gip. La pistola non è stata ancora ritrovata. L’autopsia sulle salme delle due vittime verrà eseguita in questi giorni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca: “Potremmo schierare missili nucleari in risposta allo spiegamento di razzi Usa in Germania”

Mosca non esclude di schierare missili nucleari in risposta allo schieramento di missili a lungo raggio statunitensi in Germania....

DALLA CALABRIA

Trentottenne trovato in possesso di oltre 8 kg di droga, in cella

Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 8 chilogrammi di droga pronta per essere smerciata nelle...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)