20 Maggio 2024

Voto di scambio, 8 in manette, anche un sindaco. Indagata assessore pugliese

A Triggiano, nel Barese. Nei guai l'assessore PD ai Trasporti della regione Puglia. "50 euro a voto". L'assessore si dimette, il presidente Emiliano accetta

Correlati

Dieci misure cautelari, di cui una custodia in carcere, sette ai domiciliari e due divieti di dimora nel Comune di Triggiano. Queste le misure eseguite dai carabinieri del Comando provinciale di Bari e della sezione di polizia giudiziaria in un’inchiesta della Procura di Bari in cui vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza, a vario titolo, per un’associazione finalizzata alla corruzione elettorale nelle elezioni amministrative del 20 e 21 settembre 2020 nel Comune di Grumo Appula e del 3 e 4 ottobre 2021 nel Comune di Triggiano (Bari).

Ai domiciliari il sindaco di Triggiano, Antonio Donatelli, e Sandro Cataldo, marito dell’assessore regionale ai Trasporti Anita Maurodinoia (PD), indagata. L’accusa è di corruzione elettorale nell’ambito di una inchiesta della Direzione distrettuale antimafia su una presunta compravendita di voti per le elezioni comunali di Triggiano del 2021. L’indagine è stata avviata dopo il ritrovamento, il 6 ottobre del 2021 in un cassonetto per l’immondizia, di frammenti di fotocopie di documenti d’identità e codici fiscali.

L’assessore ai Trasporti della Regione Puglia, Anita Maurodinoia, è indagata per corruzione elettorale nell’ambito dell’inchiesta che questa mattina ha portato all’esecuzione di dieci misure cautelari. L’indagine è coordinata dalla procura ordinaria e non viene contestato il voto mafioso.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, “ha accettato le dimissioni dall’assessore ai Trasporti, Anita Maurodinoia” che ha rassegnato le sue dimissioni anche dagli organismi del Partito Democratico. Ai domiciliari è finito anche il sindaco di Triggiano, Antonio Donatelli.

Secondo la ricostruzione, esisteva un meccanismo illecito per garantire le preferenze. Si pagava anche 50 euro per voto e chi accettava l’accordo avrebbe dovuto consegnare copia dei propri documenti d’identità e della scheda elettorale per un preciso conteggio dei voti sezione per sezione.

Le attività d’indagine sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari e condotte in più fasi dai carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo di Bari, della Compagnia di Modugno e della locale sezione di polizia giudiziaria. La verifica del voto, in cambio di 50 euro, veniva effettuata nel corso delle operazioni di spoglio dove vari gregari degli organizzatori, che stazionavano stabilmente nei pressi delle sezioni loro assegnate, verificavano se le persone si fossero effettivamente recate al voto; inoltre, all’atto dello spoglio, controllavano l’effettiva corrispondenza dei voti.

Significativo è stato quanto rinvenuto dai carabinieri la sera del 6 ottobre 2021, in un cassonetto stradale di raccolta indifferenziata nel quartiere San Giorgio di Bari: frammenti di fotocopie di documenti d’identità, codici fiscali di cittadini di Triggiano, un consistente numero fac-simile di schede e volantini di propaganda elettorale. Nelle elezioni del 2021 il sindaco Donatelli è stato rieletto e, secondo l’impostazione accusatoria, era questo lo scopo del meccanismo illecito così organizzato.

Secondo le indagini, un sistema analogo era già stato applicato nel settembre 2020, durante le consultazioni svolte a Grumo Appula. In quel caso, il risultato da raggiungere sarebbe stata la rielezione di un assessore uscente, oggi finito in carcere. Tra i gravi indizi di colpevolezza raccolti emerge il rinvenimento di due fogli sui quali era riportato un elenco di cittadini-elettori, indicati per cognome, nome, data di nascita, cellulare, e sezione elettorale; agli stessi doveva essere versata la somma di 50 euro, quale corrispettivo per l’avvenuto acquisto del proprio voto. In corrispondenza di più nominativi era stato già trascritto un ‘ok’ per certificare il pagamento.

Nell’inchiesta della Procura di Bari risulta indagata l’assessore ai trasporti della Regione Puglia, Anita Maurodinoia. Il marito, Alessandro Cataldo, è uno degli arrestati nell’indagine condotta dai carabinieri. Secondo l’impostazione accusatoria Cataldo, responsabile di Sud al centro, attraverso un’associazione che riusciva a canalizzare le preferenze, avrebbe acquisito illecitamente voti nello svolgimento delle consultazioni nel Comune di Triggiano nel 2021 a favore del sindaco Antonio Donatelli, rieletto. Anche il sindaco di Triggiano oggi è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari. Nell’inchiesta gli indagati sono in tutto circa 70. L’assessora ai trasporti della Regione Puglia ha rassegnato le dimissioni. Il presidente Michele Emiliano le ha accettate.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente in elicottero per il presidente iraniano Raisi, ricerche in corso

Il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi è rimasto coinvolto in un incidente con l'elicottero a bordo del quale stava viaggiando...

DALLA CALABRIA

Vibo Marina, sequestrata un’area non autorizzata di rifiuti

Un'area utilizzata da una ditta formalmente dedita ad una attività di commercio al dettaglio di parti ed accessori di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)