Finto tassista violenta una turista canadese, sospetti su un sudamericano

Parco Lambro CrescenzagoI carabinieri della Compagnia Porta Monforte di Milano stanno indagando su una violenza sessuale subita domenica sera da una turista canadese nel capoluogo lombardo ad opera di un uomo che si è spacciato come dipendente di una ditta di noleggio auto con conducente. Il tutto è cominciato in viale Monza, a poca distanza dal centro, dove la donna è salita a bordo dell’auto per andare a Lampugnano e da qui prendere un pullman per andare a Venezia.

Il finto conducente l’ha portata invece a Crescenzago, in periferia, e, in una zona isolata, l’ha violentata. La turista, dopo che l’aggressore se n’era andato, ha dato l’allarme con il suo telefono e, in ambulanza, è stata portata alla Clinica Mangiagalli dove gli accertamenti hanno confermato la violenza sessuale.

I carabinieri starebbero concentrando le loro indagini su un sudamericano. L’uomo si sarebbe offerto di accompagnare la donna fingendo di essere un conducente autorizzato, una sorta di tassista senza insegne.

Una volta giunto in un luogo isolato, forse nel noto Parco Lambro, ha tentato un approccio sessuale e al rifiuto della vittima l’ha aggredita. Il campo delle ricerche è vasto ma a essere più interessata è la zona di via Padova e viale Monza dove, tra l’altro, è alta la presenza di sudamericani.