Renzi rimpasta il governo. Tra i sottosegretari Antonio Gentile

il senatore Antonio Gentile è il suovo sottosegretario allo Sviluppo Economico
il senatore Antonio Gentile è il nuovo sottosegretario allo Sviluppo Economico

Il premier Matteo Renzi ha proceduto a un mini rimpasto al governo nominando un ministro, 8 sottosegretari e 3 viceministri. Si tratta di una decisione ampiamente annunciata che viene varata con il pacchetto di contrasto alla povertà e nei giorni frenetici sulle Unioni civili.

Enrico Costa è il nuovo ministro agli Affari regionali dopo che il dicastero era rimasto a interim per le dimissioni di Maria Carmela Lanzetta.

Entrano in squadra come sottosegretari: Tommaso Nannicini va alla Presidenza del Consiglio; Vincenzo Amendola al Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale; Federica Chiavaroli e Gennaro Migliore al Ministero della Giustizia; Antonio Gentile al Ministero dello Sviluppo economico; Antimo Cesaro e Dorina Bianchi al Ministero dei beni, delle attività culturali e del turismo; Simona Vicari avvicenda: da sottosegretario al Ministero dello sviluppo economico va con o stesso ruolo al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture.

Il Presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi ha inoltre “promosso” alla carica di viceministro:
Teresa Bellanova che da sottosegretario al Ministero del lavoro entra come viceministro al Ministero dello sviluppo economico.
Mario Giro da sottosegretario a viceministro del Ministero degli affari esteri e della cooperazione. Infine
Enrico Zanetti da sottosegretario a viceministro del Ministero dell’economia e delle finanze. Il giuramento è previsto per oggi.

La Calabria guadagna due sottosegretari. Antonio Gentile e Dorina Bianchi, entrambi del Nuovo Centrodestra, che vanno il primo allo Sviluppo economico e la seconda alla Cultura, come spalla al ministero guidato da Dario Franceschini. Per Gentile, tra l’altro, è già prevista la promozione a viceministro a metà marzo, quando Carlo Calenda andrà a Bruxelles come rappresentante italiano.

Per Antonio Gentile si tratta di un ritorno nelle sedi governative. Già sottosegretario all’Economia con il governo Berlusconi, ministro di allora Giulio Tremonti, nel 2013 era stato nominato sottosegretario alle Infrastrutture all’indomani dell’insediamento del governo Renzi. Ma a cavallo di quei giorni di fine febbraio, scoppiò una furibonda polemica per delle presunte pressioni che il senatore cosentino avrebbe esercitato sull’Ora della Calabria per non far pubblicare un articolo sul figlio indagato, venne costretto alle dimissioni dopo un gigantesco tam tam dei media nazionali. Il suo mandato durò tre giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here