15 Giugno 2024

Attentato a Berlino, Anis Amri 4 anni in Italia. E’ caccia all’uomo

Correlati

Anis Amri il tunisino ricercato per la strage a Berlino
Anis Amri il tunisino ricercato per la strage a Berlino

E’ caccia spietata a Anis Amri, il profugo tunisino di 24 anni sospettato dalle autorità tedesche di essere l’autore della strage al mercatino di Natale. La polizia tedesca ha perquisito il centro profughi a Emmerich sul Reno, in Nordreno-Vestfalia al confine con l’Olanda, ma senza esito.

L’operazione si è svolta nelle prime ore di giovedì ed è durata un’ora. In azione 100 agenti, tra cui alcuni delle unità speciali. L’attentatore al mercatino di Natale ha provocato almeno 12 morti e decine di feriti. Il tunisino avrebbe sequestrato il Tir al polacco e si è fiondato tra le baracche del mercato vicino la chiesa del Ricordo. Sarebbe stato l’autista polacco Lukasz Urban, poi trovato morto all’interno della cabina, a deviare il tir sullo stradone evitando così che il bilancio fosse più pesante.

Intanto, secondo quanto scrive l’Ansa, Anis Amri risulta essere stato 4 anni in carcere in Italia, a Palermo. Era considerato una persona molto violenta. Dopo aver scontato la pena ha ricevuto un provvedimento di espulsione dal nostro paese. Provvedimento che, però, non è andato a buon fine perché le autorità tunisine non hanno effettuato la procedura di riconoscimento nei tempi previsti dalla legge. L’uomo ha successivamente lasciato l’Italia per la Germania.

Il tunisino è da considerarsi “armato e pericoloso”. E’ quanto si sottolinea nel mandato di cattura dell’uomo che ha usato almeno “sei diversi nomi e tre diverse nazionalità”. Il giovane era stato indagato dalle autorità del Nordreno-vestfalia per il sospetto di preparare un grave reato contro lo Stato: lo ha detto il ministro dell’Interno del Land Ralf Jaeger, in una conferenza a Duesseldorf.

Il documento di Anis Amri ritrovato nel Tir dopo la strage al Mercatino di Natale
Il documento di Anis Amri ritrovato nel Tir dopo la strage al Mercatino di Natale

I documenti di Anis Amri sono stati ritrovati sul tir della morte di cui se ne è impadronito dopo una colluttazione con l’autista polacco del mezzo morto da eroe tentando di neutralizzarlo, ma senza successo. La Germania offre fino a 100.000 euro di taglia a chiunque fornisca informazioni che portino all’arresto del sospettato dell’attacco al mercatino di Natale a Berlino.

Dodici persone sono ricoverate per “ferite molto gravi”, dicono le autorità della capitale tedesca. Il ministero della Sanità afferma che alcuni dei feriti sono “in condizioni critiche”, senza specificarne il numero. Un attentato rivendicato dall’Isis. Il ministro dell’interno tedesco, Thomas de Maizière, ha annunciato che è stato emesso un mandato di cattura per tutta l’area Schengen, nei confronti “di un nuovo sospettato, non necessariamente il colpevole”, ma i dubbi sono pochi. Il pakistano fermato subito dopo la strage è risultato estraneo all’attentato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Motonave rischia di affondare, in salvo le 85 persone a bordo

Una nave in servizio da Grado a Trieste ha lanciato un 'may day' per rischio affondamento mentre era in...

DALLA CALABRIA

Telefonini introdotti nel carcere di Cosenza, decine di indagati

Sono una cinquantina le persone indagate dalla Procura della Repubblica di Cosenza per un 'giro' di telefoni cellulari che...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)