21 Gennaio 2022

UE promuove agenda LGBT. Pro Vita e Famiglia: “Vergognosa ingerenza su Stati membri, Italia si dissoci”

Il presidente Toni Brandi: "Chiediamo al Governo italiano di dissociarsi immediatamente da una proposta autoritaria e dittatoriale, che vorrebbe imporre il pensiero unico delle lobby Lgbt anche scavalcando le Costituzioni e i diritti inviolabili dei più piccoli".

Stessa categoria

«E’ assurdo che il Parlamento Europeo faccia pressioni sugli Stati Membri su un tema – come le unioni Lgbt e l’omogenitorialità – che sono espressamente riservati alla sovranità nazionale, mentre è incapace di assicurare – ad esempio – un’armonizzazione delle misure sanitarie per far fronte all’emergenza (si pensi alla grande varietà di posizioni degli Stati in tema di Green pass, obblighi vaccinali eccetera, che si riflettono anche sulla libertà di circolazione nell’UE)». E’ questo il commento di Toni Brandi, presidente di Pro Vita & Famiglia, sulla Risoluzione Ue che invita i Paesi dell’Unione a riconoscere le coppie formate dallo stesso sesso come “coniugi” e, se ci sono figli, come “entrambi genitori”.

«Un’ingerenza che viola l’articolo 9 della Carta dei Diritti fondamentali dell’UE, scavalcando la volontà sovrana dei popoli e i principi costituzionali degli Stati che hanno voluto espressamente tutelare la famiglia naturale (tra uomo e donna) nelle loro Costituzioni», sottolinea il vicepresidente Jacopo Coghe. L’impegno che si chiede, ovvero quello di “riconoscere come genitori legali gli adulti menzionati nel certificato di nascita di un bambino” «porterebbe risultati devastanti in tutti gli Stati, come l’Italia, dove l’omogenitorialità non è riconosciuta», la denuncia.

«Chiediamo al Governo italiano – conclude Toni Brandi – di dissociarsi immediatamente da una proposta autoritaria e dittatoriale, che vorrebbe imporre il pensiero unico delle lobby Lgbt anche scavalcando le Costituzioni e i diritti inviolabili dei più piccoli».


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Avvocati contro il Green pass respinti con violenza dalla Polizia sotto la Cassazione

Gli agenti aggrediscono gli avvocati e spintonano la parlamentare Sara Cunial che supportava i legali. "Comportamento vergnognoso" La deputata: "Attacco fisico e verbale è atto gravissimo, siamo in dittatura"

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER