5 Febbraio 2023

Messina Denaro e la “profezia” del pentito Baiardo: Presto un “regalino” per il governo

Il pentito che ha gestito la latitanza dei fratelli Graviano lo scorso mese di novembre in una intervista a Massimo Giletti ha profetizzato l'arresto del boss malato: Potrebbe concordare lui stesso l'arresto in cambio di alcune concessioni. "La trattativa stato mafia non è mai finita"

Correlati

C’è una certa sorpresa sull’arresto di Matteo Messina Denaro. E anche un po’ di “inquietudine”. A farla trapelare il pentito Salvatore Baiardo che lo scorso mese di novembre in una intervista a Massimo Giletti per “Non è l’arena” aveva profetizzato l’arresto del capomafia.

L’uomo che all’inizio degli anni ’90 aveva gestito la latitanza dei fratelli Graviano, nel corso dell’intervista aveva affermato, tra l’altro, che “l’unica speranza dei Graviano è che venga abrogato l’ergastolo ostativo”. E che al nuovo governo Meloni…“arrivi un regalino? Magari presumiamo che un Matteo Messina Denaro sia molto malato e faccia una trattativa per consegnarsi lui stesso per fare un arresto clamoroso?”. E anche sulla trattativa Stato-mafia era stato netto: “Non è mai finita”.

Le previsioni supposte da Baiardo si sono avverate e ieri è puntualmente arrivato l’arresto nella clinica di Palermo. E’ vero che nell’intervista Baiano non si è mai sbilanciato con certezza, ma ha sempre “supposto” con il sorriso sornione di chi la sa lunga…

Sorgono dunque degli interrogativi: Come faceva il pentito a sapere che il superboss era gravemente malato e come ha fatto a supporre un “regalino” al governo in carica con la cattura del capomafia in modo “clamoroso”, come del resto è avvenuto?

Guarda l’intervista di Giletti a Baiardo

E quando Baiardo afferma che i Graviano vorrebbero l’abolizione dell’ergastolo ostativo (carcere a vita tout court, ndr) il collaboratore di giustizia parla di una trattativa tra stato e mafia che ancora “non è finita”. La trattativa, va ricordato, è riferita alla strategia destabilizzante con le stragi consumate tra il ’92 e ’93, in cui pure Messina Denaro avrebbe avuto un ruolo insieme ai corleonesi di Riina.

Nelle sue supposizioni Baiardo fa intendere che sarebbe meglio abolire il carcere a vita per dare la possibilità agli ergastolani di “godersi” un po’ la famiglia. La cattura di Messina Denaro potrebbe essere stata quindi concordata dallo stesso capomafia gravemente malato, a patto che, senza clamore, siano scarcerati alcuni mafiosi come i Graviano.

Ci sarà stato davvero un accordo segreto tra il Messina Denaro e apparati dello Stato, come per esempio i servizi segreti? Non è dato sapere. Di certo è una clamorosa coincidenza che il boss superlatitante è stato arrestato il giorno dopo il trentennale della cattura di Totò Riina e appena due mesi dopo l’intervista del pentito Baiardo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Qatargate: Cozzolino avrebbe preso soldi. Revocata immunità per lui e Tarabella

I pubblici ministeri federali belgi sospettano l'eurodeputato italiano Andrea Cozzolino (PD) di aver preso denaro in cambio del blocco...

DALLA CALABRIA

Frontale nella Galleria della “Crocetta”, sulla Paola-Crotone. 3 feriti di cui uno grave

Un brutto incidente stradale è avvenuto nel pomeriggio all'interno della Galleria della "Crocetta", sulla statale 107 Paola-Crotone. Ad esse...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER