15 Giugno 2024

Guida in diretta Facebook ma si schianta e muore

Correlati

auto di Yassine HarchiHa filmato e postato sui social gli attimi precedenti l’incidente stradale nel quale poi è morto un 31enne marocchino, Yassine Harchi, schiantatosi poco prima delle 8 con la sua vettura vicino a San Pietro Viminario (Padova), su un pilone dell’illuminazione.

Nel video che aveva postato pochi minuti prima in diretta su Facebook lo si vedeva sorridere, fare smorfie, inquadrare in sequenza la strada, se stesso e il cruscotto con il contachilometri dell’Alfa 147.

Il giovane ha postato il filmato in diretta intorno alle 7.39 del mattino. Poi, verso le 7.50, su una strada di campagna, molto più stretta rispetto a quella a più corsie visibile nel video, il giovane ha perso il controllo della vettura, finita fuori carreggiata su un fossato.

I medici del Suem, intervenuti con i vigili del fuoco e i carabinieri di Abano (Padova), hanno tentato di rianimarlo, ma non c’è stato nulla da fare. Il 31enne, che risiedeva a Bagnoli di Sopra (Padova) con la famiglia, è spirato sul posto. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Motonave rischia di affondare, in salvo le 85 persone a bordo

Una nave in servizio da Grado a Trieste ha lanciato un 'may day' per rischio affondamento mentre era in...

DALLA CALABRIA

Telefonini introdotti nel carcere di Cosenza, decine di indagati

Sono una cinquantina le persone indagate dalla Procura della Repubblica di Cosenza per un 'giro' di telefoni cellulari che...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)