29 Giugno 2022

Assegno di mantenimento non versato alla ex perché licenziato. La Cassazione valuta il disagio

Stessa categoria

Coppia separata Assegno di mantenimentoLa Cassazione tende una mano agli ex mariti rovinati dalla crisi che non versano più l’assegno di mantenimento: prima di emettere una condanna per violazione degli obblighi di assistenza familiare – dice la Corte – il giudice penale deve valutare bene se il mancato versamento dell’assegno di mantenimento non sia effettivamente dovuto al reale peggioramento delle condizioni economiche dell’ex, invece che dalla semplice volontà di non provvedere più alla moglie separata.

Rinviando per un approfondimento il caso di un uomo della provincia di Aosta che, dopo essere stato licenziato aveva fatto mancare “l’assistenza morale e materiale” alla ex moglie, la sesta sezione penale ricorda che “l’assegno in favore del coniuge separato ha una funzione di mantenimento dello stesso tenore della vita coniugale”, ma bisogna tener conto del fatto che le “variazioni di reddito tali da poter incidere sul tenore di vita avrebbero inciso anche in caso di persistenza del rapporto di matrimonio”.

Occorre dunque valutare se il mancato versamento dell’assegno è per “difetto di considerazione degli obblighi” o “di incapacità di adempiere”. Nel caso dell’imputato il giudice di merito, il tribunale di Aosta, e poi la Corte d’appello di Torino, non hanno verificato “se la condizione economica dell’interessato consentisse l’adempimento”. Accertamento delegato ad un nuovo giudizio di appello.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER