7 Dicembre 2021

Cremona, va a caccia di fagiani, sbaglia mira e uccide il fratello

Stessa categoria

Tragedia ad Agnadello Cremona. Luigi Agosti viene ucciso per sbaglio dal fratello Fiorenzo in battuta di caccia
Il luogo dell’incidente a Agnadello, provincia di Cremona

Una battuta di caccia si è trasformata in tragedia. E’ successo ad Agnadello, in provincia di Cremona, dove due fratelli sono usciti di buon mattino per andare a caccia e uno di loro è morto sotto i colpi dell’altro.

Per cause ancora in corso di accertamento, uno dei fratelli, nell’intento di sparare a un fagiano ha sbagliato mira e ha colpito il fratello, uccidendolo. La tragedia è avvenuta stamani in aperta campagna, tra Agnadello e Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona.

La vittima, Luigi Agosti, 74 anni è morto sul colpo sotto i pallettoni del fratello Fiorenzo Agosti (65 anni). Dai primi racconti, i due camminavano distanziati in campagna, quando a un certo punto Fiorenzo avrebbe visto un fagiano alzarsi in volo e, ad altezza d’uomo, avrebbe sparato centrando in pieno petto Luigi Agosti, il fratello che è deceduto dopo pochi minuti.

Un giovane che li accompagnava, è rimasto ferito a un occhio da un pallino in modo, sembra, non grave. Sul posto sono giunti i Carabinieri di Rivolta d’Adda e la polizia provinciale. Si indaga per accertare l’esatta dinamica. La pista, al momento, più accreditata è che Luigi Agosti è stato vittima di un tragico incidente di caccia. Il fratello è sotto interrogatorio e, come atto dovuto, sarà indagato per omicidio colposo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER