8 Dicembre 2021

17enne stuprata, le amiche la filmano e postano il video sui Social

Stessa categoria

17enne stuprata, viene filmata dalle amiche che postano il video sui SocialUn altro caso “Melito” o, se vogliamo, un’altra vicenda vergognosa che ha portato al suicidio la 31enne Tiziana Cantone, che si è tolta la vita dopo che qualche “scienziatiello” ha postato dei suoi video hot sui Social mettendoli a disposizione di arrapati e dementi che affollano il web.

La triste notizia di oggi, è che una 17enne è stata violentata da un ragazzo nel bagno di una discoteca a Rimini e le amiche, invece di chiamare le forze dell’Ordine, hanno fatto a gara per riprendere la scena della violenza sessuale e poi hanno postato il video su WhatsApp e forse qualche Social.

I fatti su cui sta indagando la magistratura che ha aperto un fascicolo per violenza sessuale – come riportano i quotidiani locali di Rimini – risalgono a qualche tempo fa e vedono coinvolta una ragazza residente nel Riminese.

In un sabato sera la giovane, nel locale in compagnia delle amiche, avrebbe bevuto oltre i limiti. Un giovane, che si dice la 17enne conosceva di vista, approfittando della situazione, l’avrebbe trascinata in bagno e l’avrebbe violentata.

La scena è stata ripresa dalle amiche sorridenti, arrampicate nella toilette di fianco, con un cellulare. Nel video non si vedrebbe la vittima in volto ma le immagini mostrano la ragazza completamente inerme, in balia del giovane.

Visto il filmato, caricato su WhatsApp (gli inquirenti dovrebbero avere già bloccato tutto), la 17enne si è rivolta alla madre che, a sua volta, si è recata dai Carabinieri per denunciare l’ennesimo caso di violenza. Questa volta con la netta “complicità” delle amichette che invece di difenderla hanno preferito divertirsi sulle violenze altrui.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER