Assenteismo, blitz all’ospedale Loreto Mare di Napoli: 55 arresti

Carlomagno campagna Jeep Renegade gen 19
Assenteismo, 24 misure cautelari nel Reggino
Un frame del video dei Carabinieri

Cinquantacinque persone in servizio all’ospedale Loreto Mare di Napoli sono state arrestate e poste ai domiciliari perché accusate di assenteismo dal posto di lavoro. Il Blitz dei carabinieri del Nas è scattato all’alba su disposizione del gip di Napoli che ha accolto la richiesta della locale Procura della Repubblica. In tutto ci sono 94 persone indagate.

I destinatari delle misure cautelari sono 2 medici (un neurologo e un ginecologo), 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, 6 impiegati amministrativi, 9 tecnici manutentori e 11 operatori sociosanitari.

Sin dall’inizio dell’indagine, durata due anni, è emersa una prassi consolidata consistente: oltre alla cosiddetta “strisciata plurima” dei badge, per far risultare presenti dipendenti che, invece, erano assenti, le telecamere dei carabinieri hanno documentato l’assenza dei dipendenti dell’ufficio rilevazioni presenze e assenze.

Queste figure sono incaricate di eseguire i controlli finalizzati al rispetto delle clausole contrattuali. Uno dei dipendenti durante l’orario di servizio andava a fare lo chef in una struttura alberghiera del Nolano. Documentato anche il caso di un medico, indagato, il quale mentre era in servizio prendeva il taxi e andava a giocare a tennis oppure a sbrigare faccende personali, come fare compere in gioielleria.

In due anni sono state registrate ore e ore di filmati e di intercettazioni, eseguiti oltre 500 servizi di osservazione e pedinamento: accertati migliaia di episodi di assenteismo. Tra gli indagati anche due operatori socio sanitari che, quotidianamente, dopo essere stati avvertiti telefonicamente o via Sms, “strisciavano” 20 badge, a seconda dei turni di servizio dei colleghi da “coprire”.