Truffa alle assicurazioni: 16 arresti, tra cui medici e avvocati

Carlomagno campagna ottobre 2018

falsi incidenti stradaliTruffavano le compagnie assicurative simulando falsi incidenti stradali che procuravano ad una organizzazione dedita alle truffe, ingenti guadagni. Dopo indagini dei carabinieri di Roma, la procura ha ottenuto dal gip il provvedimento con cui ha disposto per venti cittadini romani 16 arresti e 4 obbligo di firma.

Le misure sono state eseguite all’alba dai militari della Compagnia Centro di Roma. Sei persone sono finite in carcere mentre dieci agli arresti domiciliari. In manette anche medici, infermieri e avvocati.

Agli indagati vengono contestati a vario titolo i reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe ai danni di numerose compagnie assicurative RC auto, corruzione, sostituzione di persona e falso. Il danno stimato alle società assicurative ammonta a circa un milione di euro.

L’ordinanza ha accolto le richieste avanzate dalla Procura della Repubblica di Roma, nell’ambito dell’indagine convenzionalmente denominata “Cartruffe”.

Le attività investigative, durate circa un anno, condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, sotto la direzione della Procura romana, hanno permesso di individuare una stabile associazione criminale, costituita da cittadini italiani, tutti romani, che inscenavano sinistri stradali mai avvenuti e che, tramite la complicità di medici e infermieri affiliati, procuravano alle false vittime dei sinistri lucrosi risarcimenti dalle Compagnie assicurative.

Gli illeciti profitti finivano nelle mani del capo dell’associazione, S.P., romano classe ’71, che si occupava della ripartizione delle somme agli associati.

L’indagine, condotta tramite accertamenti presso gli uffici legali delle Compagnie assicurative danneggiate, numerosi servizi di osservazione e pedinamento, nonché grazie all’ausilio di intercettazioni telefoniche, ha documentato gli “spettacoli” che l’associazione “mandava in scena”, ossia la simulazione di sinistri stradali.

Gli incidenti erano organizzati sempre nello stesso giorno (quello in cui gli ortopedici associati erano di turno) e con modalità quasi “cinematografiche” laddove il capo dell’associazione o i suoi più diretti collaboratori, stabilivano il luogo della messa in scena (incroci stradali), i mezzi che si sarebbero dovuti scontrare, e organizzavano il lavoro degli  attori (partecipanti ai falsi sinistri) appositamente indottrinati sul comportamento da tenere nella “rappresentazione” del sinistro e poi nelle successive fasi delle pratiche di risarcimento.

Si è inoltre accertata la responsabilità di numerosi sanitari (ortopedici) nella redazione di falsi certificati diagnostici e di false attestazione di cure fisioterapiche, utili ad incrementare artificiosamente l’importo del risarcimento da parte delle Compagnie di Assicurazione.

L’indagine ha interessato, complessivamente, 207 indagati, 78 dei quali per associazione, tra cui i 20 destinatari delle misure cautelari. I falsi incidenti provati sono oltre 30 ma numerosi altri sono quelli ritenuti sospetti sui quali sono in corso ulteriori accertamenti.

Taluni soggetti, tra i quali il vertice e i suoi più stretti collaboratori, risultano aver partecipato, nell’arco di soli tre anni, a decine di sinistri stradali, spesso con gli stessi mezzi.

Il danno provocato alle Compagnie assicurative, che hanno fornito piena collaborazione nell’indagare le truffe ai loro danni, corrispondente al profitto illecito dell’associazione, ammonta a quasi 1 milione e mezzo di euro nell’arco di un solo anno.

Gli arrestati sono stati tradotti presso le case circondariali di Roma Regina Coeli e di Rebibbia in attesa dell’interrogatorio di garanzia che verrà effettuato dal GIP nei confronti di tutti e 20 gli indagati.